Ispezione al parco giochi devastato

BRINDISI – “E’ una situazione desolante”. Le parole del sindaco di Brindisi, Mimmo Consales, descrivono fedelmente lo stato di assoluto degrado che regna nel parco giochi del rione Casale, completamente in balia dei vandali. Una commissione composta da amministratori e tecnici ha effettuato un sopralluogo.

La commissione

BRINDISI - "E' una situazione desolante". Le parole del sindaco di Brindisi, Mimmo Consales, descrivono fedelmente lo stato di assoluto degrado che regna nel parco giochi del rione Casale, completamente in balia dei vandali. Una commissione costituita da rappresentati della giunta comunale (gli assessori allo Sport, Antonio Giunta, ai Servizi sociali, Marika Rollo, e alla Pianificazione urbana, Pasquale Luperti), degli uffici tecnici, delle società partecipate (Multiservizi ed Energeko) e della Monteco, ha effettuato stamani un sopralluogo all'interno dell'area.

Il quadro che ne viene fuori, come rimarcato dal primo cittadino, è tutt'altro che edificante. Decine di bambini corrono ogni giorno in mezzo a cordoli dissestati, aiuole in stato d'abbandono e radici che spuntano minacciose dal terreno. Il parco è dotato di 5 altalene, ma non ce n'è una rimasta indenne nei raid vandalici. Una di queste è sprovvista di entrambi i sedili. Le "imprese" dei vandali sono visibili anche nella casetta posta al centro del polmone verde, decorata fino a qualche anno fa con le immagini di "Biancaneve e i sette nani".

I personaggi del celebre film d'animazione della Walt Disney hanno ormai lasciato spazio a scritte non proponibili. Tutto questo, nell'indifferenza dei residenti e dei frequentatori della struttura. L'amministrazione comunale ha di certo le sue responsabilità per non essere riuscita a preservare l'integrità del parco. Appare evidente, però, il concorso di colpa da parte dei cittadini. Con un pizzico di spirito di collaborazione e di senso civico in più, si sarebbe potuto evitare questo scempio. Ma è anche vero che la vigilanza nei parchi e sui parchi brindisini è molto blanda e inadeguata.

Preso atto di questa situazione, il sindaco promette una serie di interventi volti a riportare un minimo di decoro all'interno del parco. "Da oggi - dichiara Consales - cercheremo di ripristinare il tutto in grande economia. Multiservizi, Energeko e Monteco si metteranno subito al lavoro, ma se i cittadini non cominceranno a fare la loro parte, sarà difficile. Se avessimo a disposizione 100mila euro, rimetterei tutto in piedi. Purtroppo non abbiamo una simile cifra".

Occorreranno fra i 20mila e i 30mila euro, invece, per ristrutturare la pista di pattinaggio adiacente al parco giochi, e trasformarla in uno "skate-park" (impianto destinato ai fanatici dello skateboard). E' questo il progetto di modifica dell'impianto al quale si sta pensando.

"Il pattinodromo - dichiara l'assessore Giunta - vista l'assenza di società rotellistiche, non viene più utilizzato. Abbiamo così deciso di mantenere intatta la pista di pattinaggio, realizzando al centro della struttura una serie di rampe riservate agli amanti dello skateboard. Prenderemo come modelli di riferimento gli skatepark realizzati di recente a Mesagne e Lecce. Ma non potremo permetterci un investimento superiore ai 30mila euro".

 

 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento