La "grande foresta" di Tuturano

BRINDISI - Un progetto legato alle memorie del bosco. Un racconto dettato dagli alberi. Fusti che riescono a raccontare la storia di un territorio e di una vita o di un ricordo. L'evento "Altalene nel bosco" si terrà domenica 28 ottobre a partire dalle ore 11 presso il Bosco Colemi e rientra nel progetto "La grande foresta, Tuturano racconta il suo Bosco" promosso dall'Istituzione per la Prevenzione del Disagio e dell'Emarginazione Sociale della Città di Brindisi e dall'Assessorato ai Servizi Sociali, in collaborazione con Luigi D'Elia e la cooperativa Thalassia.

Tracce di bambini nel bosco

BRINDISI - Un progetto legato alle memorie del bosco. Un racconto dettato dagli alberi. Fusti che riescono a raccontare la storia di un territorio e di una vita o di un ricordo. L'evento "Altalene nel bosco" si terrà domenica 28 ottobre a partire dalle ore 11 presso il Bosco Colemi e rientra nel progetto "La grande foresta, Tuturano racconta il suo Bosco" promosso dall'Istituzione per la Prevenzione del Disagio e dell'Emarginazione Sociale della Città di Brindisi e dall'Assessorato ai Servizi Sociali, in collaborazione con Luigi D'Elia e la cooperativa Thalassia.

"Quelli che sanno ascoltare la melodia del futuro piantano alberi alla cui ombra non si siederanno mai. Ma non importa. Essi si rallegrano pensando che i bambini legheranno altalene ai suoi rami". Rubem Alves. Prevenire l'emarginazione e il disagio sociale perdendosi nelle memorie e nei sentieri di un bosco. Questa la mission del progetto che avrà come prima tappa quella di domani presso il Bosco Colemi a Tuturano.

Il progetto ha innescato diverse ed importanti collaborazioni a partire con l'Istituto Scolastico Comprensivo "Paradiso-Tuturano" oltre che con il Servizio Foreste-Agenzia Arif della Regione Puglia, l'Archivio di Stato di Brindisi e il Corso per Animatori Ambientali dell'associazione Profeta (Brindisi) che gli hanno permesso di crescere strada facendo assumendo una portata che si spera vada ben oltre l'appuntamento di domenica.

Infatti, "Altalene nel bosco" nasce e vuole contribuire alla nascita di un Archivio di memorie del bosco, attivando un punto di raccolta e invitando ogni cittadino a contribuire portando foto scattate nel bosco o dintorni, ricordi e storie che si vogliono condividere, frammenti, pezzi di qualsiasi cosa, l'importante è che abbiamo un legame con un ricordo nel bosco e naturalmente l'occorrente per costruirsi un'altalena.

"Visite sentimentali" aprirà l'evento di domani alle ore 11, condotto da ragazzi delle scuole di Tuturano che insieme alle docenti hanno costituito il nucleo principale di ricerca e attività. Le visite accompagneranno gli ospiti alla scoperta degli angoli speciali del bosco scelti dai bambini. Per poi, sotto un grande albero di leccio, arrivare al laboratorio apero di "Costruzione di musei su altalena".

Nel pomeriggio le attività riprenderanno alle ore 15.30 con la partecipazione, oltre di Luigi D'Elia anche di Alessandra Manti, Gianluigi Cosi e i ragazzi dell'Istituto comprensivo Paradiso-Tuturano e poi ci sarà anche la presenza del sindaco di Brindisi, Mimmo Consales, di Marika Rollo, assessore ai Servizi Sociali, e Dolores Fiorentino, assessore all'Ambiente.

Per maggiori informazioni visitare il sito internet www.cooperativathalassia.it.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento