rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Ambiente

"L'emergenza non è solo nei tumori"

BRINDISI - I dati presentati a Brindisi da Giorgio Assennato, il direttore dell’Arpa Puglia e presidente del comitato tecnico scientifico del centro di coordinamento regionale del Registro tumori, hanno lasciato tutti di stucco, ambientalisti inclusi. Stando ai numeri sull’incidenza di tumori relativi all’anno 2006, non vi sarebbe alcuna emergenza.

BRINDISI - I dati presentati a Brindisi da Giorgio Assennato, il direttore dell'Arpa Puglia e presidente del comitato tecnico scientifico del centro di coordinamento regionale del Registro tumori, hanno lasciato tutti di stucco, ambientalisti inclusi. Stando ai numeri sull'incidenza di tumori relativi all'anno 2006, non vi sarebbe alcuna emergenza.

"Sono dati davvero così rassicuranti?" si chiede Maurizio Portaluri, il direttore del reparto di Radioterapia del "Perrino" di Brindisi che è anche il presidente della locale sezione di "Medicina democratica" oltre che componente del gruppo di studio istituito la scorsa estate al Comune per produrre una relazione sullo "stato di salute" della città di Brindisi, comprensivo di una accurata analisi ambientale.

La relazione è stata presentata lunedì pomeriggio, nella sala "Mario Marino Guadalupi" di palazzo di città, proprio alla presenza di Assennato che in quella occasione aveva reso noti gli esiti del monitoraggio per il 2006 dei casi di tumore nel territorio.

E sono proprio i componenti del gruppo di lavoro, con in testa Portaluri, a ribattere con una nota firmata anche da Emilio Gianicolo, ricercatore Cnr, Giovanni Quarta, direttore del reparto di Ematologia di Brindisi, Franco Magno, geologo, Teodoro Marinazzo, biologo, Marisa Marcucci, specialista in Patologia clinica di Roma, Giuseppe Latini, direttore di Neonatologia, Carmela D'Abramo, Pierpaolo Petrosillo istruttore tecnico del settore Attività produttive del Comune di Brindisi.

"La presentazione della nostra relazione - scrivono - è stata largamente occupata dall'annuncio da parte del professor Assennato, nella sua veste di coordinatore scientifico del Registro Tumori Pugliese, del completamento del primo anno, il 2006, del registro tumori di Brindisi. Assennato ha comunicato verbalmente che i dati non presentano una situazione catastrofica e che l'incidenza dei tumori, nella provincia e nel capoluogo, è inferiore a quelle di Lecce e Taranto".

"Ad eccezione dei tumori linfomi non Hodgkin (sia tra i maschi sia tra le femmine) e dei tumori al seno e all'utero per cui a Brindisi si registrerebbe un eccesso rispetto alle altre due province. Quest'ultimo dato conferma la necessità espressa dal Gruppo di lavoro di dotarsi urgentemente di un registro tumori". Sin qui, nulla da ridire. Se non ci fossero altri campanelli d'allarme su cui concentrare l'attenzione.

"La relazione del gruppo di lavoro passa in rassegnauna serie di dati sanitari per nulla rassicuranti. Ci riferiamo in particolare all'articolo appena accettato per la pubblicazione sull'eccesso di malformazioni congenite dal 2001 al 2010 e all'articolo sugli incrementi di ricoveri e decessi in corrispondenza di un aumento, persino nel range di normalità, di inquinanti rilevati dalle centraline", si legge nel documento.

"Inoltre il gruppo di lavoro ha evidenziato, come peraltro implicito nel progetto Sentieri dall'Istituto Superiore di Sanità, che studi condotti su tutta la città mascherano gli effetti sui quartieri più esposti. Gli eventi sanitari, tumori compresi, devono essere studiati in funzione della dispersione degli inquinanti industriali. Quando questo è stato fatto, in due periodi, anche a Brindisi gli effetti si sono rivelati più intensi a minore distanza dall'aria industriale".

Ci sono poi i dati emersi da altri studi (che indicano eccessi di mortalità, per tutte le cause e per vari tumori, riscontrati nei periodi precedenti) prima del 2006 e la valutazione da effettuare dei dati di incidenza e di mortalità di varie patologie dal 2006 in poi.

Insomma: "Nel lavoro svolto sono stati riportati anche i dati dell'inquinamento dei suoli e delle falde acquifere, che indicano, così come anche rilevato dall'Arpa, una contaminazione grave e generalizzata dei suoli e della falda freatica soggiacente tutte le aree di proprietà delle diverse società coinsediate nel petrolchimico. L'inquinamento è stato riscontrato anche per i suoli e le acque delle altre aree del Sin (Sito di interesse nazionale). Il gruppo non ha potuto poi occuparsi del grave problema delle discariche, dell'amianto, dei radionuclidi".

Quindi non è il caso di escludere che vi sia una emergenza ambientale a Brindisi, visto il "grave inquinamento del suolo e delle acque" evidenziato dal Cnr che esige interventi urgenti di bonifica e politiche per la riduzione delle emissioni. Non è solo dai dati sul cancro, insomma, che si misura la gravità del rischio cui è esposto un territorio. Brindisi, secondo gli esperti che si sono più volte confrontati nel corso dell'estate, corre un pericolo enorme. Qui sotto la relazione scaricabile del gruppo di lavoro e gli allegati.

RELAZIONE_FINALE_GRUPPO_LAVORO

ALL_1_GRUPPO_DI_LAVORO_VERBALI_RIUNIONI

ALL_2_GRUPPO_DI_LAVORO_OSSERVAZIONI_AGGIUNTIVE

ALL_3_GRUPPO_DI_LAVORO_RELAZIONE_BIOMONITORAGGIO_BIOBANCA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'emergenza non è solo nei tumori"

BrindisiReport è in caricamento