L'insulto di cicche e chewingum

BRINDISI – Le intercapedini fra le assi di legno sembrano diventate un posacenere. Per terra, fazzoletti di carta, cicche di gomma da masticare e qualche lattina della Coca Cola. Sul parquet del lungomare Regina Margherita sono già impressi i primi segni di inciviltà.

Una lattina a ridosso di una panchina

BRINDISI - Le intercapedini fra le assi di legno sembrano diventate un posacenere. Per terra, fazzoletti di carta, cicche di gomma da masticare e qualche lattina della Coca Cola. Sul parquet del lungomare Regina Margherita sono già impressi i primi segni di inciviltà e strafottenza nei confronti del bene pubblico. Il manufatto è stato installato poco più di due mesi fa di fronte Palazzo Montenegro, nell'ambito dei lavori di restyling (quasi completati) dell'intero affaccio sul mare del centro storico brindisino.

Il parquet, con le sue panche di legno, sorge all'inizio di una distesa di palme che si snoda dallo spazio antistante al "Grande albergo internazionale" fino alla scalinata Virgilio. Ad alcuni piace. Ad altri un po' meno. Ci aveva preso, però, chi aveva pronosticato che la struttura, nel volgere di poche settimane, avrebbe perso la sua "verginità".

Le liste di legno sono ormai tappezzate di chiazze nere: traccia evidente delle cicche di chewingum gettate per terra, nonostante la presenza dei contenitori per la raccolta dei rifiuti. A ridosso di una panca, una lattina vuota è adagiata sul volantino pubblicitario di un centro commerciale. Sparsi un po' ovunque, poi, fazzoletti di carta usati.

Uno scenario analogo si ripete lungo tutto il tratto lungomare in cui i lavori di ristrutturazione sono terminati da mesi (i cantieri, adesso, sono attivi solo nel tratto compreso fra piazza Engelberto Dionisi e i giardinetti Vittorio Emanuele). Le basole di colore bianco, posate da neanche un anno, sono piene di cicche di gomma da masticare. Anche in questo caso, memore di quanto avvenne con il basolato dei corsi cittadini, qualcuno era stato facile profeta. La gente, purtroppo, non riesce proprio a resistere alla tentazione di utilizzare la strada a mo' di pattumiera.

 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento