Nessuna discussione sull'elettrodotto in consiglio

BRINDISI - Inutile discutere di un argomento su cui qualcuno ha già deciso per Brindisi. E' questa la giustificazione che, da più parti, i consiglieri comunali danno alla probabile eliminazione del punto all'ordine del giorno che riguarda il voto sull'elettrodotto che collegherà Valona a Brindisi. L'indicazione quindi è quella di non votare la presa d'atto per la variante urbanistica già approvata dal Governo nel 2007 e dalla Regione nel 2008.

Salvatore Brigante in Consiglio comunale

BRINDISI - Inutile discutere di un argomento su cui qualcuno ha già deciso per Brindisi. E' questa la giustificazione che, da più parti, i consiglieri comunali danno alla probabile eliminazione del punto all'ordine del giorno che riguarda il voto sull'elettrodotto che collegherà Valona a Brindisi. L'indicazione quindi è quella di non votare la presa d'atto per la variante urbanistica già approvata dal Governo nel 2007 e dalla Regione nel 2008.

Nella riunione dell'assise prevista per domani mattina, qualora l'assessore all'urbanistica Antonio Bruno non decida di seguire l'indicazione del Pdl di ritirare il punto, la discussione potrebbe comunque non svolgersi. "Anche un voto negativo servirebbe solo a svilire l'immagine del consiglio, perchè non sortirebbe alcun effetto" ha sottolineato Vincenzo Guadalupi.

"Ormai è una questione tecnica - ribadisce Angelo Rizziello, capogruppo del Pdl - la società Moncada ha già ottenuto le necessarie autorizzazioni con il decreto firmato dal Ministero per lo sviluppo economico. Anzi, a questo punto, credo che stia già realizzando anche i lavori". Superfluo quindi il voto del consiglio comunale.

Un piccolo passo ma comunque significativo, potrebbe essere il voto per il Partito democratico che, non condividendo il progetto e manifestando diverse perplessità relative all'elettrodotto e alla sua utilità, sarebbe invece più propenso ad esprimere quel voto contrario.

"E' importante dire ai brindisini - spiega Salvatore Brigante, capogruppo del Pd - che questa decisione è stata presa a Roma e che invece, il territorio non è d'accordo con le linee di sviluppo decide dal ministero. Ma questo impianto passa a poca distanza dal centro abitato di Tuturano. Senza contare che qualcuno dovrebbe spiegarci perchè l'energia prodotta in Albania debba poi essere portata in Italia".

L'elettrodotto della Moncada infatti, prevede un campo eolico con 250 aerogeneratori da 2 Megawatt che sarà collegato a Brindisi Sud attraverso 155 chilometri di elettrodotto, 14 su territorio brindisino.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento