rotate-mobile
Ambiente

"No alle trivellazioni nello Ionio"

BARI - Il consiglio regionale pugliese, rappresentato dal presidente Onofrio Introna, aderisce alla campagna contro le trivellazioni nello Ionio.

BARI - Il consiglio regionale pugliese, rappresentato dal presidente Onofrio Introna, aderisce alla campagna contro le trivellazioni nello Ionio "No al petrolio nello Jonio", assieme ai sindaci delle altre regioni interessate, Basilicata e Calabria. “’No triv tour’: la Puglia dice sì”, dichiara il presidente dell’Assemblea, Onofrio Introna, con un gioco di parole tutt’altro che involontario. “Dopo averlo ripetuto al sindaco di Amendolara, Ciminelli, tengo a ribadirlo pubblicamente: tutti i consiglieri regionali della Puglia, uniti fin dal primo momento contro ogni attentato alla salute ambientale dei nostri mari, aderiscono alla sottoscrizione a difesa dell’ecosistema marino dalla ricerca ed estrazione di idrocarburi”.

Da Amendolara è partita infatti una campagna di sensibilizzazione contro i progetti di trivellazioni delle compagnie petrolifere. Le firme raccolte saranno sottoposte ai Ministeri interessati e all’Unione Europea. Una manifestazione itinerante, avviata a fine luglio nella cittadina in provincia di Cosenza, toccherà altri centri marinari ionici in Lucania e Puglia, all’insegna del no alle trivellazioni.

Solo nel Golfo di Taranto, sono 11 le richieste di autorizzazioni avanzate ai Ministeri da 7 multinazionali petrolifere e 4 le concessioni attive, a largo del Catanzarese, con svariate piattaforme e decine di pozzi. “Per salvare il nostro oro blu, stop all’oro nero: la Regione Puglia è fin dall’inizio tra i protagonisti della battaglia per il mare”, dichiara il presidente del Consiglio regionale, che inoltre sollecita il ministro dell’ambiente a fissare l’incontro richiesto dall’Assemblea pugliese per illustrare le ragioni della mobilitazione a tutela dei mari dal petrolio.

“All’on. Orlando – dice - non sfuggirà certamente l’appello delle istituzioni, delle forze sociali, delle associazioni e dei cittadini di Basilicata, Calabria e Puglia, stretti idealmente in un abbraccio a ricordare la partecipazione spontanea, l’attenzione, la sensibilità delle genti meridionali e la loro scelta di un ambiente pulito, di un mare sano, dal quale in tanti traggono da sempre le risorse per vivere e crescere”.

“Non è un caso che i sindaci dell’arco ionico stiano facendo causa comune – fa notare ancora il presidente Introna – come del resto un fronte unitario è quello delle regioni adriatiche, che respingono ogni ipotesi di sfruttamento delle irrisorie fonti energetiche del proprio mare a scopi ed insieme a tutte le regioni italiane hanno adottato un documento unitario a tutela di tutte le acque del Mediterraneo europeo e a sostegno di uno sviluppo sostenibile dei nostri territori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"No alle trivellazioni nello Ionio"

BrindisiReport è in caricamento