Ostuni, bianco anche per ordinanza

OSTUNI - Il bianco del centro storico di Ostuni a quanto pare continua a risultare un po’ sbiadito e per questo il sindaco, Domenico Tanzarella ha deciso di passare alle maniere forti.

Le mura del centro storico di Ostuni

OSTUNI - Passino le iniziative spontanee con calce e pennelli, gli appelli, i moniti e pure i flash mob. Il bianco del centro storico di Ostuni a quanto pare continua a risultare un po' sbiadito e per questo il sindaco, Domenico Tanzarella, che ben ne conosce il valore (non solo turistico, ma principalmente storico) ha deciso di passare alle maniere forti

Il primo cittadino ha infatti firmato un'ordinanza con cui dà termini perentori per intervenire ai proprietari di immobili che si trovano nei pressi della cinta muraria aragonese del borgo antico. Sono stati individuati 153 intestatari di abitazioni nel rione "Terra" della cittadina turistica del Brindisino ed è stata firmata l'ordinanza con cui si concedono 10 giorni di tempo per provvedere alla ripitturazione. "Il centro storico della citta' di Ostuni - spiega il sindaco, Domenico Tanzarella - costituisce una risorsa fondamentale del patrimonio storico-culturale della nostra Città, capace di attrarre flussi turistici rilevanti durante tutti i periodi dell'anno".

L'obbligo della tinteggiatura - si legge in una nota - non deriva soltanto da una necessità promozionale a fini turistici ma anche dalla circostanza che tutto centro storico rientra in area sottoposta a vincolo paesaggistico ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio oltre che dal piano regolatore. L'amministrazione comunale provvederà comunque, in caso di inadempienza, a spese di chi non rispetta le regole. I proprietari degli immobili potrebbero inoltre versare al Comune la somma necessaria ad effettuare le opere delegandole allo stesso, anche al fine di ottenere un risultato "armonico".

Recita la norma: "Tutti le parti esterne degli edifici, quali facciate, prospetti interni, parti emergenti dalla copertura, canne fumarie ed altro, devono essere tinteggiate con latte di calce, con cadenza almeno biennale. La tinteggiatura dovrà essere eseguita con tecniche e materiali alla tradizione ostunese, con particolare attenzione alle indicazioni seguenti. "Si considera rispondente alla prescrizione di cui al comma precedente esclusivamente, la tecnica di tinteggiatura a calce; Restano esclusi dalla tinteggiatura bianca a calce gli elementi lapidei e/o artistici come portali, stemmi, le cornici artistiche". Proprietari avvisati.

 

 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento