rotate-mobile
Ambiente

Rischio idrogeologico, 210 milioni dall'accordo Puglia-Ministero Ambiente

ROMA - E’ stato sottoscritto ieri a Roma dal Presidente della Regione Nichi Vendola e dal Ministro Stefania Prestigiacomo l’Accordo di programma tra il Ministero dell’Ambiente e la Regione Puglia, per finanziare un piano straordinario da 210 milioni di euro, diretto a rimuovere le situazioni a più elevato rischio idrogeologico e idraulico. Lo annuncia l’assessore alle Opere pubbliche e Protezione civile Fabiano Amati.

ROMA - E' stato sottoscritto ieri a Roma dal presidente della Regione Nichi Vendola e dal ministro Stefania Prestigiacomo l'Accordo di programma tra il Ministero dell'Ambiente e la Regione Puglia, per finanziare un piano straordinario da 210 milioni di euro, diretto a rimuovere le situazioni a più elevato rischio idrogeologico e idraulico. Lo annuncia l'assessore alle Opere pubbliche e Protezione civile Fabiano Amati.

Gli interventi saranno finanziati con risorse messe a disposizione dal Ministero dell'Ambiente per 110 milioni di euro e dalla Regione per altri 100 milioni a valere sui fondi Fas 2007-2013, destinati proprio ad interventi di risanamento ambientale.

Le azioni previste riguarderanno principalmente le zone della Puglia interessate da dissesto idrogeologico o da esondazioni ed avranno la finalità di mettere in sicurezza il territorio, attivando politiche di difesa del suolo mediante la prevenzione e la mitigazione del rischio.

Gli interventi interesseranno 62 comuni pugliesi, per più di 90 opere, oltre a quelle che interessano i due più importanti fiumi della regione, ovvero l'Ofanto e il Fortore, concentrati in prevalenza nella provincia di Foggia, sui quali saranno eseguiti interventi strutturali. In particolare, i lavori avranno l'obiettivo di consolidare i versanti in frana e di ridurre le esondazioni nelle aree ad alta pericolosità idraulica, con l'obiettivo primario di salvaguardare l'incolumità dei cittadini.

"L'accordo sottoscritto - ha dichiarato l'assessore Amati - è il risultato di un lavoro svolto in sintonia tra la Regione Puglia e il Ministero e sblocca risorse che da diversi anni giacevano inutilizzate. Con questo programma cominciamo ad affrontare in materia organica numerosissime problematiche legate al rischio idrogeologico in tutta le Regione, che è il grido di dolore e quindi la priorità delle priorità delle moderne amministrazioni pubblichi. Quest'accordo è la faccia che meno appare della medaglia della vita, perché la mancata consapevolezza sui rischi ci fa apparire sempre quella delle disgrazie.

" L'accordo che il Presidente Vendola ha perseguito e sottoscritto, con la collaborazione eccezionale del Ministro Prestigiacomo,-continua Amati- è la risposta della politica alle lacrime di coccodrillo che si versano quando i tg ci portano in casa la notizia della morte del cittadino avvenuta per la reazione della natura, violata dall'indifferenza umana a preservare la cosa più importante che abbiamo: la terra. Approfitto dell'occasione per ringraziare attraverso il suo presidente Gino Perrone l'Anci Puglia che ha costantemente monitorato e fornito indicazioni e consenso sul piano degli interventi."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rischio idrogeologico, 210 milioni dall'accordo Puglia-Ministero Ambiente

BrindisiReport è in caricamento