rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Ambiente

Scarico illegale di rifiuti edili, due denunciati, terreno e camion sequestrati a Cellino

CELLINO S. MARCO - Gli agenti del comando stazione Forestale di Brindisi hanno sequestrato un autocarro, il cui conducente veniva sorpreso ad abbandonare i rifiuti trasportati sull’automezzo, materiale inerte di lavorazioni edili. La pattuglia in abiti borghesi, mentre effettuava un apposito servizio di controllo nei comuni di S. Pietro Vernotico e Cellino S. Marco, incrociava un autocarro alla periferia di quest’ultimo centro abitato, esattamente in contrada Tamanzi mentre, mediante il ribaltamento del cassone, venivano scaricato un ammasso di macerie provenienti dall’attività di demolizione e costruzione (cemento, pezzi di mattonelle, intonaco), classificabili come rifiuti non pericolosi.

CELLINO S. MARCO - Gli agenti del comando stazione Forestale di Brindisi hanno sequestrato un autocarro, il cui conducente veniva sorpreso ad abbandonare i rifiuti trasportati sull'automezzo, materiale inerte di lavorazioni edili. La pattuglia in abiti borghesi, mentre effettuava un apposito servizio di controllo nei comuni di S. Pietro Vernotico e Cellino S. Marco, incrociava un autocarro alla periferia di quest'ultimo centro abitato, esattamente in contrada Tamanzi mentre, mediante il ribaltamento del cassone, venivano scaricato un ammasso di macerie provenienti dall'attività di demolizione e costruzione (cemento, pezzi di mattonelle, intonaco), classificabili come rifiuti non pericolosi.

Il conducente era tale F.M., 44enne di Cellino S. Marco, dipendente della ditta individuale proprietaria dell'autocarro. Dal controllo della documentazione risultava che il mezzo utilizzato per il trasporto degli inerti era regolarmente in possesso delle autorizzazioni prescritte per tale attività dalla normativa di settore; inoltre il carico era accompagnato da un Fir (Formulario di Identificazione Rifiuti) in cui era naturalmente indicata, quale destinataria finale, una discarica autorizzata.

L'autista, da accertare se su indicazioni del datore di lavoro, anziché recarsi presso la discarica, abbandonava gli inerti su un terreno ubicato nelle immediate vicinanze dell'abitato. Ciò avrebbe consentito il risparmio dei costi di smaltimento, operazione comunque certificabile dal possesso del Fir da esibire in caso di eventuali controlli a posteriore effettuati da parte degli organi preposti.

Oltre all'autocarro, la Forestale di Brindisi ha sequestrato il formulario che accompagnava il trasporto ed il terreno sul quale sono stati abbandonati i rifiuti. Infine è stata contestata all'autista anche una sanzione amministrativa di 3100 euro per indicazione di dati inesatti trascritti sulla documentazione accompagnatoria. La Forestale ha denunciato a piede libero per reati ambientali anche O.I. di 50 anni, originario di Carovigno ma da anni residente a Cellino S. Marco, proprietario dell'autocarro.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scarico illegale di rifiuti edili, due denunciati, terreno e camion sequestrati a Cellino

BrindisiReport è in caricamento