Domenica, 26 Settembre 2021
Ambiente

"Carbone: Ferrarese ora passi ai fatti"

BRINDISI – Se Massimo Ferrarese fa sul serio, per la faccenda della riduzione del carbone a Cerano, vale a dire la richiesta al ministro dell’Ambiente Corrado Clini di trasformazione a gas di uno dei quattro gruppi della termoelettrica “Federico II”, cosa che ha indotto ieri Enel a prendere posizione dichiarandosi sorpresa della sortita del presidente della Provincia, e comunque nettamente contraria a tale ipotesi, dia subito corso alle procedure necessarie per giungere ad un incontro nelle sedi opportune. La richiesta arriva oggi dal movimento No al Carbone, che “ha da sempre sostenuto la necessità di ridurre l’impatto sull’ambiente e la salute dato dalla combustione del carbone a Brindisi”.

BRINDISI - Se Massimo Ferrarese fa sul serio, per la faccenda della riduzione del carbone a Cerano, vale a dire la richiesta al ministro dell'Ambiente Corrado Clini di trasformazione a gas di uno dei quattro gruppi della termoelettrica "Federico II", cosa che ha indotto ieri Enel a prendere posizione dichiarandosi sorpresa della sortita del presidente della Provincia, e comunque nettamente contraria a tale ipotesi, dia subito corso alle procedure necessarie per giungere ad un incontro nelle sedi opportune. La richiesta arriva oggi dal movimento No al Carbone, che "ha da sempre sostenuto la necessità di ridurre l'impatto sull'ambiente e la salute dato dalla combustione del carbone a Brindisi".

"A tal fine ci siamo sempre battuti per una forte riduzione del carbone , almeno il 30% , e per l'avvio della trasformazione a gas della centrale di Cerano da ottenersi nel giro di 5 anni con la progressiva entrata in funzione di gruppi a ciclo combinato", si afferma in un comunicato del movimento in t-shirt nera. "Non possiamo quindi che essere assolutamente d'accordo con la richiesta del presidente Ferrarese al ministro dell'Ambiente Clini di avviare questo percorso con la trasformazione a gas di un gruppo".

Ma ecco la chiamata all'azione: "Chiediamo che quindi il presidente Ferrarese dia immediato seguito a tale richiesta producendo atti amministrativi che impegnino l'amministrazione provinciale. Si approvi quindi rapidamente, cosa assolutamente realizzabile, una delibera di giunta provinciale con la quale si chiede la trasformazione a gas di un gruppo per l'impianto di Cerano e si convochi quindi subito dopo un consiglio provinciale che approvi la delibera di giunta e dia mandato al presidente Ferrarese di convocare un tavolo con i ministri dell'Ambiente, dello Sviluppo Economico, oltre Enel e Regione Puglia e Comune per avviare la trattativa".

"Alle dichiarazioni seguano quindi atti amministrativi. Su questa strada il presidente Ferrarese avrà il nostro massimo sostegno ed impegno. Speriamo che le dichiarazioni non siano invece state fatte ad uso e consumo della campagna elettorale". Si vedrà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Carbone: Ferrarese ora passi ai fatti"

BrindisiReport è in caricamento