Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Speciale Ostuni

Assi, si chiude un ciclo: coach Putignano lascia Ostuni dopo sette anni

OSTUNI - Fine della stagione. E fine di una stagione: lunga 7 anni, a testimonianza di una comunione perfetta. Ma non eterna. Da oggi Giovanni Putignano, in scadenza di contratto, non è più il coach dell’Assi basket Ostuni. L’annuncio era nell’aria, già all’indomani della finale persa col Trapani. Il sogno di Legadue spezzato proprio sul finale, al culmine di un traguardo comunque storico, che ha confermato Ostuni tra le realtà più importanti del campionato di A Dilettanti. Merito anche di un coach destinato a restare nei cuori dei tifosi gialloblu. Nel pomeriggio è arrivata la conferma del divorzio e il comunicato ufficiale dell’Assi. Parole di congedo, che esulano dalla formalità e che rendono il senso del legame profondo e del rapporto di fiducia che ha legato in questi anni il coach alla società e all’Ostuni cestistica.

OSTUNI - Fine della stagione. E fine di una stagione: lunga 7 anni, a testimonianza di una comunione perfetta. Ma non eterna. Da oggi Giovanni Putignano, in scadenza di contratto, non è più il coach dell'Assi basket Ostuni. L'annuncio era nell'aria, già all'indomani della finale persa col Trapani. Il sogno di Legadue spezzato proprio sul finale, al culmine di un traguardo comunque storico, che ha confermato Ostuni tra le realtà più importanti del campionato di A Dilettanti. Merito anche di un coach destinato a restare nei cuori dei tifosi gialloblu. Nel pomeriggio è arrivata la conferma del divorzio e il comunicato ufficiale dell'Assi. Parole di congedo, che esulano dalla formalità e che rendono il senso del legame profondo e del rapporto di fiducia che ha legato in questi anni il coach alla società e all'Ostuni cestistica.

In una nota, il presidente dell'Assi Salvatore Tomaselli, il Direttore generale Pino Lerna e il Direttore sportivo, Enrico Marseglia, manifestano quindi innanzitutto gratitudine: "Grazie Giovanni. Grazie per la tua grande disponibilità che fa di te, innanzitutto, un galantuomo. E grazie per la professionalità con cui hai sempre onorato il tuo impegno. Abbiamo vissuto insieme anni straordinari che non dimenticheremo mai. Anni di grandi passioni, di vittorie e di cocenti sconfitte, sempre sul campo, sempre a testa alta. Avremmo voluto, insieme a te, conquistare un'altra promozione, la più ambiziosa, la più difficile: non ce l'abbiamo fatta, nonostante gli enormi sacrifici che insieme abbiamo sopportato in questi ultimi anni. Tu, più di noi, l'avresti meritata. Siamo certi che la tua professionalità e la tua serietà saranno presto ripagate. Comunque orgogliosi di aver lavorato con te per questa città e per questi colori. In bocca al lupo, Giovanni! Per sempre amici".

Quale sia il futuro di Putignano, non è chiaro. Ma di club interessati all'ormai ex tecnico dell'Ostuni ce ne sono parecchi sulla piazza. Venerdì prossimo, intanto, i vertici dell'Assi si riuniranno. E non sarà un'assemblea di routine. In ballo, ancor prima della scelta del nuovo allenatore, c'è il futuro della società, la necessità di individuare nuove risorse e nuove energie.

Risale ambiziosa la china, invece, l'Enel Brindisi, che da Legadue intende ripartire con un progetto destinata a riportarla a breve nell'olimpo del basket. E già il coach, per esperienza e blasone, è una garanzia. Così, dopo l'accordo siglato con Piero Bucchi, stamane la società ha reso nota in un comunicato un'altra novità: il professor Santi Puglisi rivestirà il ruolo di General Manager dell'Enel Basket Brindisi.

"Figura storica della pallacanestro nazionale, Puglisi è a Brindisi oramai da tre stagioni sia pur con compiti differenti ed il suo contributo di esperienza e conoscenza viene ritenuto assolutamente necessario per il rilancio dell'Enel Basket. Per questo, dietro il pressante invito della Dirigenza, il nuovo Gm è già al lavoro da diverse settimane, ancor prima dell'odierno conferimento ufficiale dell'incarico".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assi, si chiude un ciclo: coach Putignano lascia Ostuni dopo sette anni

BrindisiReport è in caricamento