rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Speciale

Attentato, la polizia ha un fermato

Si tratta solo di informazioni frammentarie, ma la polizia avrebbe già chiuso il cerchio sull'attentatore del 19 maggio, responsabile della deflagrazione che ha ucciso Melissa Bassi e ferito in maniera grave altre cinque studentesse. Un uomo è nelle mani degli investigatori.

Si tratta solo di informazioni frammentarie, ma la polizia avrebbe già chiuso il cerchio sull'attentatore del 19 maggio, responsabile della deflagrazione che ha ucciso Melissa Bassi e ferito in maniera grave altre cinque studentesse. Un uomo è nelle mani degli investigatori.

Non ci sono ancora notizie ufficiali, ma il sospettato si trova a Lecce ed è sotto interrogatorio. Gli inquirenti non fanno trapelare particolari. Si tratta di un cittadino italiano.

Da quanto si è appreso, la persona sospettata è sotto interrogatorio nella questura di Lecce. Potrebbe trattarsi di un soggetto sospettato di propositi di vendetta nei confronti di qualcuno identificato con la scuola colpita il 19 maggio. All'interrogatorio è presente l'intero gruppo investigativo costituito a Brindisi dopo la bomba. La persona sospettata è originaria di Copertino.

Il movente che ha condotto gli investigatori sino all'attuale sospettato, che è un benzinaio di 68 anni, non è ancora chiaro. Potrebbe essersi trattato di una vendetta contro il preside Angelo Rampino. Il quale però il 19 mattina non si era presentato a scuola alla solita ora, spiegando di essersi fermato ad una stazione di servizio.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attentato, la polizia ha un fermato

BrindisiReport è in caricamento