rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Speciale

Double B: prime scintille sulla doppia veste del sindaco-assessore

BRINDISI – Donato Baccaro ne è sicuro: lui, che ai trasporti ha la delega, sarà una "Tav" lungo l'asse Brindisi-Cisternino. "Qual è il problema? L’ho detto e lo ripeto. Faccio il sindaco e resto nella Giunta del presidente Massimo Ferrarese. Non priverò la mia comunità della rappresentanza in seno all’esecutivo provinciale. E come al mio solito, dedicherò grandi energie e motivazioni su un fronte e sull’altro”. Nessun ripensamento, dunque. E soprattutto alcuna pressione esercitata sulle sue spalle (e alle sue spalle). Né è certo: “La mia campagna elettorale per le comunali l’ho chiusa insieme all’amico Domenico Tanzarella. Era al mio fianco e lui per primo ha smentito voci e pettegolezzi. Per quanto mi riguarda, dunque, il problema non esiste”. Il neo sindaco di Cisternino, più chiaro di così non poteva essere.

BRINDISI - Donato Baccaro ne è sicuro: lui, che ai trasporti ha la delega, sarà una "Tav" lungo l'asse Brindisi-Cisternino. "Qual è il problema? L'ho detto e lo ripeto. Faccio il sindaco e resto nella Giunta del presidente Massimo Ferrarese. Non priverò la mia comunità della rappresentanza in seno all'esecutivo provinciale. E come al mio solito, dedicherò grandi energie e motivazioni su un fronte e sull'altro". Nessun ripensamento, dunque. E soprattutto alcuna pressione esercitata sulle sue spalle (e alle sue spalle). Né è certo: "La mia campagna elettorale per le comunali l'ho chiusa insieme all'amico Domenico Tanzarella. Era al mio fianco e lui per primo ha smentito voci e pettegolezzi. Per quanto mi riguarda, dunque, il problema non esiste". Il neo sindaco di Cisternino, più chiaro di così non poteva essere.

Nessuno, in seno al partito o alla coalizione di governo, gli ha chiesto di farsi da parte, di lasciare vacante l'assessorato alla Viabilità, presso l'Amministrazione provinciale. In serata, a supporto delle dichiarazioni di Baccaro, è giunta anche nota ufficiale del sindaco di Ostuni, Domenico Tanzarella, che nella sua veste di segretario provinciale del Partito socialista, che nell'esprimere la sua soddisfazione per l'elezione dei sindaci di Oria, San Pancrazio e Cisternino, precisa e chiosa: "L'elezione a sindaco di Cisternino del socialista Donato Baccaro rappresenta la dimostrazione che dove ci sia coesione e unità d'intenti il centrosinistra vince. In riferimento, poi, a movimenti e nuovi assetti nell'esecutivo provinciale, devo lamentarmi per il fatto che in alcune circostanze il mio partito non sia stato invitato a riunioni importanti svoltesi con la partecipazione solo di alcuni partiti della maggioranza".

E a quanti ipotizzano rotazioni su misura, attacca: "Voglio precisare che all'interno del partito socialista non si è mai parlato di avvicendamenti e nuovi assetti e comunque il primo dei non eletti nel Partito Socialista sarebbe l'avvocato Nicola Santoro di Ostuni e non mio figlio Giuseppe che, invece, è il secondo dei non eletti. In caso di movimenti, di cui comunque non si è parlato, sarebbe quindi Santoro a subentrare nell'assise provinciale.

Preciso ancora che i ruoli di sindaco e di assessore provinciale non sono incompatibili per cui partendo dal presupposto che gli incarichi non sono né personali, né di una Città, ma il frutto del lavoro di tante persone, tutte le decisioni saranno prese all'interno del Partito. In questo momento c'è solo grande soddisfazione per un risultato eccezionale, le polemiche le lasciamo a chi è uscito sconfitto da questa tornata elettorale".

Già, l'opposizione. Non sta a guardare, come testimonia la presa di posizione del neo eletto consigliere comunale di Cisterino, Mario Saponaro (candidato sindaco Pdl): "Sono appena trascorse 24 ore dall'elezione di Baccaro e Cisternino paga il prezzo di una prima cambiale firmata dal neo sindaco. La presenza di Baccaro nella giunta provinciale sarà sostituita da un nuovo assessore di Villa Castelli, il socialista Vitantonio Caliandro".

"Baccaro, fino a ieri, è stato assessore provinciale ai trasporti e, nella sua veste, si è distinto - prosegue ironico Saponaro - per aver realizzato il prolungamento della circonvallazione di Cisternino da via Fasano a via Madonna del Soccorso (nei pressi di casa sua), con tanto di (difettosa) rotonda e relativo albero d'ulivo piantato, nei pressi del campo sportivo di via Fasano, tre giorni prima delle elezioni comunali. Da oggi Cisternino non ha più un rappresentante alla Provincia di Brindisi e questa, a prescindere dal ruolo e dal colore politico, è decisamente una grande perdita per la nostra comunità".

Quindi l'ultima frecciata del Pdl: "Nessun cistranese ha dimenticato le migliaia di firme raccolte "porta a porta" da Baccaro contro Ferrarese per chiedere di essere reintegrato nella giunta provinciale dopo che lo stesso era stato cacciato in malo modo. Adesso vedremo chi raccoglierà le firme per difendere e rappresentare Cisternino in seno alla Provincia di Brindisi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Double B: prime scintille sulla doppia veste del sindaco-assessore

BrindisiReport è in caricamento