Autorithy: gare e polemiche

BRINDISI - Ormai è una consuetudine: ogni atto dell'Autorità portuale di Brindisi scatena dubbi e polemiche. Accadrà, molto probabilmente, anche per l'ultima iniziativa degli uffici amministrativi dell'ente: l'indizione di una gara per la rimozione dell'impianto di miticoltura appartenente alla società cooperativa Europesca. Il segretario Del Nobile ha invitato tre ditte a presentare una offerta: la Grandi Lavori Fincosit (che solitamente non esegue questo tipo di lavori), la Cillarese scarl (gruppo Teseco, l'azienda che sta ripulendo i fondali del porto interno) e la Stess di Mola di Bari. Non è stata invitata, invece, un'azienda brindisina che esegue proprio questo tipo di interventi.

L'ex segretario dell'Authority, Nicola Del Nobile

BRINDISI - Ormai è una consuetudine: ogni atto dell'Autorità portuale di Brindisi scatena dubbi e polemiche. Accadrà, molto probabilmente, anche per l'ultima iniziativa degli uffici amministrativi dell'ente: l'indizione di una gara per la rimozione dell'impianto di miticoltura appartenente alla società cooperativa Europesca. Il segretario Del Nobile ha invitato tre ditte a presentare una offerta: la Grandi Lavori Fincosit (che solitamente non esegue questo tipo di lavori), la Cillarese scarl (gruppo Teseco, l'azienda che sta ripulendo i fondali del porto interno) e la Stess di Mola di Bari. Non è stata invitata, invece, un'azienda brindisina che esegue proprio questo tipo di interventi.

Anche questa volta, forse, a giustificare l'esclusione è il "principio della turnazione". Principio sulla base del quale, nelle scorse settimana, dalla gara per l'aggiudicazione del servizio di trasporto pubblico all'interno del porto, erano state escluse tre ditte brindisine.

Questa volta il lavoro in gioco consisterà nella rimozione di una quarantina di "corpi morti", boe e cavi che si trovano nelle acque a ridosso della diga di Punta Riso. A quanto risulta a BrindisiReport.it, il prezzo di mercato dovrebbe aggirarsi intorno ai 75 mila euro, importo che richiederebbe una regolare procedura di gara aperta. Procedura che, forse, l'Autorità portuale è intenzionata ad espletare dopo aver ricevuto i preventivi delle tre ditte invitate. Anche se la lettera inviate ai destinatari lascia capire che si intende procedere all'affidamento diretto.

Le offerte dovranno pervenire entro le ore 12 di venerdì prossimo. Le operazioni di rimozione dovranno essere effettuate nel giro di 30 giorni dalla data dell'incarico.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento