Dal "Majorana" ad una azienda tutta sua

CASARANO - "Impossible is nothing": niente é impossibile. Gianluigi Parrotto segue alla lettera questa massima e ne fa il motto della sua vita, diventando a soli 20 anni imprenditore e titolare unico dell'azienda "GP Renewable" , oggi ai primi posti nel settore.

Gianluigi Parrotto

CASARANO - "Impossible is nothing": niente é impossibile. Gianluigi Parrotto segue alla lettera questa massima e ne fa il motto della sua vita, diventando a soli 20 anni imprenditore e titolare unico dell'azienda "GP Renewable" , oggi ai primi posti nel settore delle energie rinnovabili. Tutto é iniziato qualche anno fa, ai tempi della scuola quando Gianluigi frequentava l’Istituto Tecnico Industriale - Liceo Scientifico Tecnologico "Ettore Majorana" di Brindisi, dove lo scorso mese di luglio si é diplomato.

Originario di Casarano (Provincia di Lecce, ndr), all'età di 16 anni per studiare ha raggiunto Brindisi facendo sin da subito importanti sacrifici (la distanza dalla famiglia soprattutto) per cercare di costruire il suo futuro nel migliore dei modi. Spinto sempre dalla curiosità ha iniziato ad interessarsi ai motori turboelica degli aerei e contemporaneamente a questo ha cominciato a studiare prima la classica turbina eolica e poi la mini turbina eolica ad asse verticale.

Quello che aveva di fronte agli occhi era un sistema innovativo per produrre energia naturalmente che consentiva a qualcuno di poterne usufruire. Nulla di più adatto per le abitazioni. È stato, infatti, pensando alla gente comune che il giovane imprenditore ha trovato la chiave del suo successo.

Deciso e determinato ha approfondito l'argomento scoprendo che esisteva da tempo appunto un prodotto proprio ad uso domestico (ma impiegabile anche sulle imbarcazioni da diporto, ad esempio), ossia la cosiddetta mini turbina eolica a vento ad asse verticale di Savonius.

A quel punto doveva, però, fare qualcosa di innovativo per un prodotto che era già in circolazione. Valutazione su valutazione, ha capito che l'originalità poteva risiedere nel design: sostanzialmente bisognava cambiare l'estetica di questa mini turbina, affinché potesse essere installata perfettamente sui balconi degli appartamenti.

I giorni sono passati e questa idea ha iniziato a prendere sempre più forma, a tal punto che Gianluigi con l'aiuto di alcuni ingegneri ha continuato a portare avanti il suo progetto nella maniera più semplice possibile. È nata così in una forma diversa e particolare la sua prima mini turbina eolica verticale domestica, realizzata con materiali tutti italiani, tanto da dare vita ad un prodotto originalissimo, rigorosamente "Made in Italy".

È partita subito la prima serie di dieci installazioni in Sicilia e in Sardegna e Parrotto ha ottenuto buoni risultati, ma non proprio soddisfatto di dover lavorare fuori ha deciso di tornare a casa portando la sua attività a Casarano producendo, però, gli impianti eolici a Melissano (Provincia di Lecce, ndr). Il suo esperimento è riuscito perfettamente perché il prodotto é stato apprezzato e questo sistema innovativo si è diffuso a macchia d'olio.

Non esisteva alcuna certezza di successo, ma la volontà, l'ambizione e la determinazione erano forti. Gianluigi con alcuni risparmi e un piccolissimo finanziamento è riuscito esattamente un anno fa ad avviare questa attività, fondando appunto la GP Renewable, un'azienda tutta sua che oggi ha sede nello storico "Palazzo Costa" in Piazza San Giovanni a Casarano.

Lavora e promuove un prodotto sempre più interessante che nei mesi è cambiato strutturalmente ed esteticamente diventando migliore. I risultati che sta ottenendo sono eccellenti e sorprendenti, sicuramente oltre le sue aspettative. Insomma l'azienda è cresciuta e oggi conta uno staff di circa venti dipendenti tra agenti di commercio, esperti contabili e ingegneri.

Gianluigi, oggi praticamente lei può dire di ave realizzato un sogno, mettendo in piedi un'azienda tutta sua a soli 20 anni. Non è da tutti, ma sicuramente ha ancora tanto da fare e da raggiungere...

Indubbiamente. Sono convinto di questo e ogni giorno lavoro per cercare di crescere e migliorare. Gli obiettivi sono tanti, ma quello principale riguarda la promozione del prodotto. Dobbiamo lavorare bene in questo senso, affinché la gente lo conosca e venga a cercarlo. In sostanza, deve camminare da solo, oltre al fatto che dovrà essere sempre innovativo.

Qual é secondo lei il vostro punto di forza?

La carta vincente é la serietà dell'azienda e la qualità del prodotto. La mini turbina eolica verticale domestica che produciamo ha tre vele, un albero centrale e i suoi cuscinetti per un'altezza massima di 5 metri. È un prodotto "Made in Italy", unico proprio per questo, ci tengo a precisarlo.

Qual è stata secondo lei la chiave che le ha consentito di aprire la porta di questo successo targato "GP Renewable"?

Sicuramente ho scoperto di avere una buona capacità imprenditoriale, ma come ho detto prima la strada per me é ancora lunga. Indubbiamente è stato fondamentale il coraggio, ma credo che il mio essere sempre imprevedibile abbia vinto su tutto.

 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento