rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
energia

Fonti rinnovabili, norme più restrittive in Puglia per la Via

BARI - Dopo l’approvazione da parte della competente commissione del Consiglio regionale della modifica alla norma per la concessione della Valutazione d'impatto ambientale, l’assessore all’Ecologia, Lorenzo Nicastro, ha detto che "il governo regionale continua nella sua opera, tesa allo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili. Lo fa servendosi di una impostazione moderna, che favorisce la realizzazione di impianti integrati e l’armonizzazione degli stessi nel contesto territoriale ed ambientale circostante".

BARI - Dopo l'approvazione da parte della competente commissione del Consiglio regionale della modifica alla norma per la concessione della Valutazione d'impatto ambientale, l'assessore all'Ecologia, Lorenzo Nicastro, ha detto che "il governo regionale continua nella sua opera, tesa allo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili. Lo fa servendosi di una impostazione moderna, che favorisce la realizzazione di impianti integrati e l'armonizzazione degli stessi nel contesto territoriale ed ambientale circostante".

"La valutazione di impatto ambientale non rappresenta, infatti, un appesantimento burocratico, - spiega l'assessore - bensì uno strumento che consente la valutazione approfondita dei potenziali impatti e la partecipazione democratica delle istituzioni e di ogni cittadino alla scelte che riguardano il proprio territorio".

"La norma- ha ricordato l'assessore- prevede una riduzione ulteriore del limite a 0,5 MWe per gli impianti ricadenti in aree naturali protette o in aree di particolare pregio urbanistico ed agricolo ed inoltre, un limite di assoggettabilità a Via pari a 3 MWe per gli impianti ricadenti in aree industriali dismesse o integrati in edifici in aree produttive".

"Si tratta di un adeguamento (peraltro necessario ed urgente alla luce della sentenza della Corte Costituzionale e della tardiva approvazione delle linee guida nazionali che si inserisce, nella più ampia strategia ed attività del governo regionale di armonizzazione delle politiche energetiche e sviluppo delle fonti rinnovabili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fonti rinnovabili, norme più restrittive in Puglia per la Via

BrindisiReport è in caricamento