Il sindaco non convoca il consiglio sulla convenzione Enel, e il Pd diserta la seduta

SAN PIETRO VERNOTICO – Questa sera i gruppi del Pd e di Nuovamente Democratica non hanno partecipato per protesta alla seduta del consiglio comunale di S.Pietro Vernotico. Le ragioni della protesta si intrecciano in parte con la questione del rinnovo della convenzione con Enel per la centrale di Cerano, in parte con la conflittualità esistente con il sindaco Pasquale Rizzo.

Pasquale Rizzo

SAN PIETRO VERNOTICO - Questa sera i gruppi del Pd e di Nuovamente Democratica non hanno partecipato per protesta alla seduta del consiglio comunale di S.Pietro Vernotico. Le ragioni della protesta si intrecciano in parte con la questione del rinnovo della convenzione con Enel per la centrale di Cerano, in parte con la conflittualità esistente con il sindaco Pasquale Rizzo.

Il Pd spiega così la decisione di disertare i lavori consiliari: "Il 16 di agosto non veniva concessa dal sindaco al Partito Democratico l'autorizzazione all'uso del piazzale panoramico di Campo di Mare, per discutere con i cittadini sul futuro delle nostre marine. Poi il PD chiedeva per il 30 ottobre l'uso dell'aula consiliare per una conferenza stampa ad oggetto 'la Società Fiscalità Locale', anche questa richiesta non veniva accolta dal sindaco Rizzo" . Ma ci altre recriminazioni.

"Il 2 di novembre il PD in concomitanza con la petizione popolare promossa (raccolta firme riguardante il no all'uso del Cdr nella Centrale e la relativa riduzione del quantitativo di carbone bruciato), chiedeva la convocazione,ai sensi dell'art. 42 del Regolamento comunale, di un consiglio monotematico aperto ai sindaci dei Comuni della fascia sud della provincia di Brindisi e alle associazioni ambientaliste del territorio sulle problematiche riguardanti la qualità dell'aria ed in particolar modo l'eventuale uso del Cdr nella centrale Federico II". Ma Rizzo, accusa il PD, pur tenuto a convocare il consiglio entro 20 giorni ai sensi del citato articolo, non lo ha fatto.

Ora, "nonostante la posizione del PD di San Pietro Vernotico e del PD provinciale e regionale, contrari all'uso del Cdr nella centrale di Cerano, l'accordo raggiunto sulla bozza di convenzione fra Vendola, Ferrarese e Mennitti non ne esclude con certezza il suo utilizzo. Di fronte a questa sciagurata prospettiva per il nostro territorio, il PD di San Pietro Vernotico decide nuovamente di alzare la voce chiedendo ancora una volta al sindaco e facendo appello al prefetto,, la convocazione di un consiglio comunale monotematico urgente aperto ai cittadini, da tenersi entro il 30 di dicembre 2010 e comunque prima della convocazione del consiglio comunale di Brindisi e del consiglio provinciale dove verrà approvato definitivamente il testo della convenzione". E per accentuare il pressing, stasera è stata disertata la seduta consiliare.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento