PlayEnergy, le scuole vincitrici

BRINDISI - La centrale “Federico II” ha ospitato la commissione esaminatrice della X edizione del concorso Enel “PlayEnergy”.

La centrale Enel di Cerano

BRINDISI - La Centrale “Federico II” di Cerano (Br) ha ospitato la commissione regionale esaminatrice degli elaborati pervenuti a conclusione della X edizione del concorso Enel “PlayEnergy”. Sono stati esaminati e valutati più di 350 progetti provenienti da 46 scuole di tutta la Puglia coinvolgendo così oltre 8000 ragazzi. Il concorso ha dato la possibilità agli studenti, attraverso 8 tematiche (Innovazione, Efficienza, Opportunità, Creatività, Territorio, Comunità, Ricerca, Futuro), di approfondire un aspetto specifico del mondo dell’energia elettrica. Ecco i vincitori.

Per la Categoria Scuola Primaria la classe 5 unica della scuola primaria Gandhi-Strudà di Vernole (LE), guidata dall’insegnante Gabriella Martina, con il progetto: “Missione: energia pulita”. È stata realizzata una Lampada in cartapesta che rappresenta il mondo ideale. I ragazzi hanno affrontato un viaggio nell’energia durato un anno scolastico confluito in una conferenza al pubblico, nella pubblicazione di un gazzettino energetico e nella creazione di un blog dedicato ai temi studiati.

Per la Categoria Scuola Secondaria di 1°grado la classe 3 A della scuola J.F. Kennedy di Brindisi, guidata dall’insegnante Immacolata Maruccia, con il progetto: “Ottimizziamo i nostri percorsi”. Il plastico realizzato con materiale di riciclo e Lego, che rappresenta alcuni elementi chiave della città di Brindisi per porre l’attenzione sul problema della CO2. Sono stati individuati due percorsi, uno legato alle tecnologie di cattura (Ccs), l’altro legato al proprio stile di vita con l’ottimizzazione dei percorsi casa-scuola, dopo aver rilevato la quantità di Co2 prodotta.

Per la categoria Scuola Secondaria di 2°grado Le classi 3 Itec, 3 Itet, 5 IA Abacus della scuola Itt M. Panetti di Bari, guidate dall’insegnante Francesco Carlucci con il progetto: “Costruzione di un impianto elettrico di un appartamento con alcune funzioni automatizzate e controllate da remoto”. Un impianto elettrico completo e reale realizzato in scala e automatizzato con un impianto di domotica che controlla 4 punti luce, grazie ad una app e al software completamente realizzati dai ragazzi.

La commissione ha inoltre assegnato le seguenti 11 menzioni speciali che consentono l’accesso, insieme ai vincitori, alla selezione nazionale. Per la Categoria Scuola Primaria: la classe 5 D, insegnante Michela Drago, della scuola Istituto Comprensivo Sant’Elia-Commenda di Brindisi; la classe 2 A, insegnante Daniela Giannini, della scuola Istituto Comprensivo San Giovanni Bosco-Melo da Bari di Bari; le classi 5B, 5A e 4B, insegnante Maria Rosa Maraschio, della scuola Ettore d’Amore di Muro Leccese (LE ); la classe 3C, insegnante Oronza Perrone, della scuola Giovanni XXIII-Valesium di Torchiarolo (BR).

Per la Categoria Scuola Secondaria di 1°grado: classe 3 O, insegnante Vincenza Di Leo, della scuola Giovanni Bovio di Foggia; la classe 3 A, insegnante Tommaso Zaccheo, della scuola Luigi Tinelli di Alberobello (BA); la classe 3 A, insegnante Francesco Ciacio, della scuola San Francesco D’Assisi di Modugno (BA); la classe 3 B, insegnante Stefano Tateo, della scuola Virgilio di Brindisi.

Per la Categoria Scuola Secondaria di 2°grado: classe 1 D, insegnante Rocco Colavito Rocco, della scuola Ipssar Nicola Garrone di Barletta (Bat); classe 4 C, insegnante Gabriella Torsello, della scuola G. Toma di Galatina (LE); la classe 3 AS, insegnante Annalisa Rubino, della scuola Itis Ettore Majorana di Brindisi.

 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento