rotate-mobile
energia

Tarantino: “Inaccettabile il piano industriale di Edipower”

BRINDISI – Il Pd si fa sentire, le associazioni ambientaliste no. Almeno secondo il segretario provinciale del Partito democratico, Corrado Tarantino. Non piace infatti al Pd il nuovo piano industriale presentato martedì agli enti locali da Edipower; contesta in particolare che l’azienda non debba far ricorso ad una Valutazione d’impatto ambientale dopo la modifica del piano a cui il Governo aveva già concesso la Via.

BRINDISI - Il Pd si fa sentire, le associazioni ambientaliste no. Almeno secondo il segretario provinciale del Partito democratico, Corrado Tarantino. Non piace infatti al Pd il nuovo piano industriale presentato martedì agli enti locali da Edipower; contesta in particolare che l'azienda non debba far ricorso ad una Valutazione d'impatto ambientale dopo la modifica del piano a cui il Governo aveva già concesso la Via.Ma a Tarantino non piace neppure il silenzio delle associazioni ambientaliste sull'argomento. Il segretario provinciale torna sulla mancata conversione dei gruppi, attualmente fermi, a turbogas come invece era previsto nel piano. "Come Pd - ha scritto in una nota Tarantino - riteniamo che tale posizione, la quale fa decadere definitivamente il piano industriale di conversione a ciclo combinato dell'intero impianto alla base della vendita ad Edipower di quella centrale, sia inaccettabile. Ciò comporterebbe infatti il mantenimento della movimentazione e dell'uso del carbone a ridosso dell'insediamento urbano, stracciando ogni accordo precedente e trasformando in definitiva una situazione transitoria eccezionale".

Edipower invece, nel piano presentato martedì al Governo e agli enti locali, si impegnata a finanziare con 40 milioni di euro il nuovo carbonile coperto, che alimenta gli altri due gruppi in funzione, e a creare i desolforatori per ridurre le emissioni di ossidi di zolfo, a prescindere dalla qualità di carbone.

"Ci preoccupa il silenzio assordante delle associazioni ambientaliste - conclude Trantino - e non condividiamo qualunque posizione assunta dalle Istituzioni senza aver attivato un adeguato confronto politico e nelle sedi consiliari. Riteniamo che sulla questione nulla può essere dato per scontato e che le conseguenti decisioni debbano tener conto della situazione complessiva del polo energetico e della condizione ambientale di Brindisi nonché della chiusura del percorso in atto per la firma delle convenzioni prima della relativa Conferenza di servizi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tarantino: “Inaccettabile il piano industriale di Edipower”

BrindisiReport è in caricamento