rotate-mobile
Speciale

Fassino si insedia al Comune di Torino: Lavolta in pole per un posto nella Giunta

TORINO - Piero Fassino s’insedia dopo il trionfo. Ed Enzo Lavolta, dopo aver fatto il pieno di voti, si accinge ad assumere un incarico assessorile. Il giovane professionista nativo di Ostuni (Sposato, padre di una piccina di 10 mesi), sceso in campo nella corsa alle comunali di Torino al fianco dell’ex ministro, si conferma ai vertici dell’Amministrazione municipale del capoluogo piemontese, città dove vive dal 1980. Una valanga di preferenze, quelle incassate in occasione della tornata elettorale che ha consacrato al primo turno l’ex segretario nazionale dei Ds sindaco della città del Lingotto. Leader del movimento politico culturale Torino 2020, Lavolta ha conseguito oltre 2000 voti: meglio di lui, nella lista del Pd, ha fatto soltanto un altro neoeletto consigliere comunale, Stefano Gallo. E così per il 32enne consulente del lavoro originario della Città bianca, si profila un impegno politico amministrativo al fianco del neosindaco. Per la formazione ufficiale della Giunta bisognerà attendere ancora un paio giorni, come ha sottolineato durante il suo insediamento odierno lo stesso neosindaco.

TORINO - Piero Fassino s'insedia dopo il trionfo. Ed Enzo Lavolta, dopo aver fatto il pieno di voti, si accinge ad assumere un incarico assessorile. Il giovane professionista nativo di Ostuni (sposato, padre di una piccina di 10 mesi), sceso in campo nella corsa alle comunali di Torino al fianco dell'ex ministro, si conferma ai vertici dell'Amministrazione municipale del capoluogo piemontese, città dove vive dal 1980. Una valanga di preferenze, quelle incassate in occasione della tornata elettorale che ha consacrato al primo turno l'ex segretario nazionale dei Ds sindaco della città del Lingotto. Leader del movimento politico culturale Torino 2020, Lavolta ha conseguito oltre 2000 voti: meglio di lui, nella lista del Pd, ha fatto soltanto un altro neoeletto consigliere comunale, Stefano Gallo. E così per il 32enne consulente del lavoro originario della Città bianca, si profila un impegno politico amministrativo al fianco del neosindaco. Per la formazione ufficiale della Giunta bisognerà attendere ancora un paio giorni, come ha sottolineato durante il suo insediamento odierno lo stesso neosindaco.

La cerimonia di insediamento si è svolta in una affollatissima Sala Rossa, sede del Consiglio comunale a Palazzo civico. Tra gli applausi dei neo eletti consiglieri, Fassino, visibilmente commosso, ha ricevuto la fascia tricolore da Sergio Chiamparino: "L'esecutivo cittadino sarà composto - ha confermato il primo cittadino - al 50% da donne, «si avvarrà di risorse giovani e sarà espressione sia delle forze politiche di centrosinistra sia della società civile".

Lavolta è risultato tra i candidati più suffragati in assoluto. Presidente uscente della commissione Lavoro di Palazzo Civico, indicato mesi fa come uno dei possibili successori di Chiamparino, Lavolta è il coordinatore del programma elettorale di Fassino. Aveva appena due anni, quando i suoi genitori decisero di emigrare al nord. Ed il primo a gioire al fianco del figlio oggi è suo padre, Cosimo, presidente regionale del Uiltucs Piemonte (Unione Italiana Lavoratori Turismo Commercio e Servizi). Ha seguito passo dopo la passo la scalata del figlio: "Un ragazzo d'oro e leale, glielo riconoscono tutti, compagni di partito e avversari. Se da emigrante sta bruciando le tappe di una carriera brillante lo deve solo alle sue capacità, al suo impegno sociale e alla sua passione politica".

Laureato in Scienze politiche, Enzo Lavolta svolge la professione di consulente del lavoro. Il suo esordio in politica risale al 2001, anno in cui viene eletto al Consiglio della IV Circoscrizione. Nel 2006 l'approdo in Consiglio comunale, nella lista unitaria del Comune di Torino "Ulivo con Chiamparino". Oggi è assessore in pectore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fassino si insedia al Comune di Torino: Lavolta in pole per un posto nella Giunta

BrindisiReport è in caricamento