rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Speciale

L'Enel pronta per la capolista

BRINDISI - Enel Basket e Banco di Sardegna Sassari si ritroveranno di fronte domani per la terza volta quest'anno: all'andata Brindisi espugnò il PalaSerradimigni, in Coppa Italia invece i sardi hanno eliminato Gibson e compagni. La capolista tenterà di portare a casa i due punti, per evitare la fuga solitaria di Varese (che ospita Caserta e dunque dovrebbe avere vita facile). Gli uomini di coach Bucchi, però, in caso di vittoria potrebbero riacciuffare l'ottavo posto in compagnia di Reggio Emilia e Venezia, impegnate entrambe in trasferta. È evidente che non si tratta di una gara priva di stimoli.

BRINDISI - Enel Basket e Banco di Sardegna Sassari si ritroveranno di fronte domani per la terza volta quest'anno: all'andata Brindisi espugnò il PalaSerradimigni, in Coppa Italia invece i sardi hanno eliminato Gibson e compagni. La capolista tenterà di portare a casa i due punti, per evitare la fuga solitaria di Varese (che ospita Caserta e dunque dovrebbe avere vita facile). Gli uomini di coach Bucchi, però, in caso di vittoria potrebbero riacciuffare l'ottavo posto in compagnia di Reggio Emilia e Venezia, impegnate entrambe in trasferta. È evidente che non si tratta di una gara priva di stimoli.

LE SQUADRE. Per Meo Sacchetti, coach dei sassaresi, «si tratta di una sfida tosta, contro una squadra che riesce sempre a metterci in difficoltà». Per Bucchi sarà «una partita dura ma aperta, perché Brindisi ha le potenzialità per giocarsela sempre con tutti». Durante la settimana Scottie Reynolds da una parte e Bootsy Thornton dall'altra hanno accusato problemi fisici. Per il brindisino si tratta solo di un affaticamento alla gamba sinistra: ha saltato due allenamenti e oggi lo staff lo metterà alla prova. Sacchetti non dovrebbe rischiare Thornton, che contro Venezia ha rimediato un infortunio muscolare e sta seguendo un programma di allenamenti differenziato rispetto al resto della squadra. Problemi "influenzali? invece per Jerai Grant e Travis Diener, ma entrambi saranno regolarmente in campo.

I TREND DI CAMPIONATO. I sardi hanno il miglior ruolino di marcia del girone di ritorno, insieme con Milano e Venezia. Nelle ultime due partite hanno battuto in casa abbastanza agilmente i veneti e Pesaro, ed ora sperano di fare il pieno nelle due trasferte a Sud: Brindisi e poi Avellino. L'Enel, invece, dopo aver battuto Cantù in casa ha rimediato una sconfitta a Venezia, dimostrando di sapersi esaltare contro le grandi del torneo e di prendere un po' sotto gamba le partite che dovrebbero essere più facili.

LE CHIAVI DEL MATCH. In casa biancazzurra occhi puntati sul solito Gibson, cui Bucchi chiede di essere più furbo: «Deve nascondersi un po' di più ad inizio gara per poi venire fuori nei minuti importanti. Non è una critica, ma un consiglio». La speranza è di rivedere anche il miglior Viggiano, al quale tra l'altro mancano solo 11 punti per raggiungere quota 1000 in Lega A (in 116 presenze). E servirà anche il Robinson più incisivo. Il Banco di Sardegna si affida ai cugini Diener e a Tony Easley, che finora è il miglior realizzatore da due punti in Lega A. Al PalaPentassuglia si ritroveranno di fronte le due squadre con la miglior percentuale da 2 punti del campionato: Sassari con il 56.5% (416/736), Brindisi con il 55.8% (459/822).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Enel pronta per la capolista

BrindisiReport è in caricamento