L'Enel si ferma contro Roma: 82-86

BRINDISI - Non bastano un Viggiano superlativo e una partita giocata al meglio nei primi tre quarti per battere Roma e continuare la striscia vincente: la Virtus Roma espugna il PalaPentassuglia, pur con un Datome ed un Lawal disastrosi. L'Enel paga uno scandaloso avvio di quarto tempo, con un parziale di 0-19 subito dagli ospiti, sostenuti da un eccellente Phil Goss e da un Bobby Jones venuto fuori nel momento topico della partita. E paga una prestazione più che negativa sotto i tabelloni, con gli uomini di Marco Calvani che prendono 21 rimbalzi offensivi (contro i 6 di Brindisi).

Gibson

BRINDISI - Non bastano un Viggiano superlativo e una partita giocata al meglio nei primi tre quarti per battere Roma e continuare la striscia vincente: la Virtus Roma espugna il PalaPentassuglia, pur con un Datome ed un Lawal disastrosi. L'Enel paga uno scandaloso avvio di quarto tempo, con un parziale di 0-19 subito dagli ospiti, sostenuti da un eccellente Phil Goss e da un Bobby Jones venuto fuori nel momento topico della partita. E paga una prestazione più che negativa sotto i tabelloni, con gli uomini di Marco Calvani che prendono 21 rimbalzi offensivi (contro i 6 di Brindisi).

Peccato perché la partenza dell'Enel era stata eccezionale, con il solito Gibson e soprattutto con Viggiano, che ferma Datome e mette dentro punti importanti. Buono anche l'avvio di Simmons, che argina lo straripante Lawal e lo costringe a commettere due falli nei primissimi minuti di gioco. Al sesto Brindisi è avanti di 10 (14-4). Gibson sbaglia due tiri dalla lunga distanza e gli ospiti rosicchiano qualche punto. Viggiano però mette dentro una tripla e un libero e riporta i padroni di casa a distanza di sicurezza.

È ancora Viggiano, all'inizio del secondo quarto, a portare avanti l'Enel, con giocate deliziose. Purtroppo commette il suo secondo fallo e Bucchi lo mette a sedere. Roma trova canestri con Goss (il migliore tra i suoi) e D'Ercole, ma Brindisi allunga grazie ad una difesa granitica e ad un paio di giocate geniali di Reynolds: al 13° è 30-19. Basta poco però alle grandi squadre per rientrare in carreggiata: Robinson perde una palla, Fultz regala una rimessa, e Roma si fa di nuovo sotto (30-26 al 15°). Buttiamo alle ortiche anche un fallo antisportivo (perché Gibson va in lunetta al posto di Grant) ma Roma soffre la difesa dell'Enel e Gibson e Viggiano riallungano: 34-27. Brindisi cala nel finale, concedendo troppi rimbalzi in attacco e secondi tiri alla Virtus, ma i canestri finali di Viggiano, Gibson e Robinson (finalmente da tre punti!) chiudono la prima parte del match 43-37.

L'Enel torna in campo concentrata e la musica non cambia: Datome è l'ombra di se stesso, prende stoppate e non vede il canestro. Lawal è annullato da Simmons. Brindisi tiene Roma sempre ad una decina di punti di distanza, fino al 26°, quando gli arbitri non fischiano una infrazione di passi agli ospiti, e per di più regalano un frettoloso fallo tecnico a Bucchi, consentendo alla Virtus di recuperare (52-50). Ma Roma non sfonda e l'Enel non perde la testa: l'asse d'attacco Viggiano-Gibson continua a marciare a pieno regime (il primo arriva a quota 25, il secondo a 15) e anche la terza frazione si chiude con il vantaggio dei padroni di casa (61-57).

Bucchi manda in campo un quintetto con troppe seconde linee, e Roma ne approfitta subito. È il solito Goss a firmare i due canestri che portano per la prima volta in vantaggio la Virtus, che continua a dominare nei rimbalzi in attacco (sono già 18). Datome segna il canestro del 7-0 (e del 61-64) e si avverte qualche preoccupante segnale di cedimento dell'Enel, con gli arbitri che fischiano due falli in due azioni a Reynolds. Jones allunga con una tripla ed un schiacciata: Brindisi è ferma al palo, gli ospiti raggiungono il 61-69 e Bucchi ferma il gioco prima che sia troppo tardi. Ma la strigliata non basta: la palla sembra non volere entrare più, mentre Jones mette dentro un'altra tripla (il parziale negativo arriva allo 0-19). Simmons commette il suo quarto fallo a 4.21 dalla fine, dopo aver sbagliato un tiro da sotto: è il segnale della resa, la Virtus è ormai irrecuperabile, mentre l'Enel continua a buttare palle al vento. Il primo canestro brindisino della quarta frazione, una tripla di Gibson, arriva solo a 3.13 dalla sirena. Il pubblico prova a crederci: ci sono 12 punti da recuperare. Ci salva solo un miracolo. Ma non è serata.

TABELLINI E PAGELLE
Viggiano 27 (8,5), Robinson 19 (7), Reynolds 7 (7), Formenti 0 (s.v.), Fultz 2 (5), Ndoja 0 (5), Simmons 2 (5), Zerini 0 (5), Gibson (6,5), Grant 4 (5,5).
Coach Bucchi: 5,5.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Dopo pesca, si ribalta sulla diga: spavento per un giovane brindisino

  • Amore non corrisposto: donna irrompe in banca con un coltello

  • Bloccate e ritirate dagli ospedali pugliesi le mascherine non conformi

  • Auto rubate tornano in circolazione come cloni: due arresti

  • Minaccia di lanciarsi nel vuoto: ragazza salvata dalla polizia

  • Irrompe nel reparto Covid dove è ricoverato il padre e poi esce senza precauzioni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento