Speciale

L'imperatore restaurato e poi dimenticato

Dalla mannaia della spending review non si è salvata nemmeno la statua di Cesare Augusto, collocata nella centralissima piazza del Popolo. Da tempo nessuno provvede alla manutenzione ordinaria e periodica del giardino circostante e alle piante poste alla base del monumento.

I fiori appassiti per mancanza di cure

Dalla mannaia della spending review non si è salvata nemmeno la statua di Cesare Augusto, collocata nella centralissima piazza del Popolo. Da tempo nessuno provvede alla manutenzione ordinaria e periodica del giardino circostante e alle piante poste alla base del monumento, appassite da tempo per mancanza d'acqua.

Quasi una sciocchezza, se paragonata alla situazione che si verifica dopo il tramonto, a causa della carenza di illuminazione, che conferisce un aspetto desolante a tutta la zona circostante e non consente di godere della statua, relegata nell'ombra.

Una contraddizione rispetto al consistente impegno economico sostenuto negli anni scorsi per il restauro e la messa in sicurezza della statua (interventi completati nel maggio del 2010) e a quello sostenuto annualmente per la cura del verde pubblico cittadino.

In sostanza si chiede una inversione di tendenza rispetto al passato, assicurando quel minimo di impegno e di amore per la città, che rientra nell' attività ordinaria di una amministrazione, che vuole e sappia amministrare, eliminando tutte quelle situazioni, che ledono il diritto dei cittadini di vivere in luoghi urbani dal dignitoso decoro igienico ed estetico. (Vincenzo Albano)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'imperatore restaurato e poi dimenticato

BrindisiReport è in caricamento