Sabato, 20 Luglio 2024
publisher partner

Taglio del nastro a Mesagne: una nuova pizzeria apre nel centro storico

La nuova pizzeria di Nico Taveri e Simona Cavalera promette eccellenza e innovazione

Situata tra le antiche mura della città, la nuova avventura di Nico Taveri e Simona Cavalera si concentra sulla qualità dei prodotti e sulla formazione del loro team.

Il Centro Storico di Mesagne si arricchisce di una nuova eccellenza culinaria: la pizzeria Brunda. Dopo sette anni di successo a Brindisi, dove ha conquistato il palato dei residenti e di numerosi visitatori da fuori città, Brunda inaugura una nuova sede in uno degli angoli più affascinanti di Mesagne. I fondatori, Nico Taveri e Simona Cavalera, hanno scelto Mesagne per la sua atmosfera storica e per il potenziale di sviluppo. "Mesagne ha un'identità unica e un grande potenziale di crescita," dichiara Nico, evidenziando l'entusiasmo per questa nuova sfida.

La pizzeria si trova in una cornice storica, con un incantevole giardino italiano che introduce i clienti in una piazzetta accogliente. Questa location esclusiva promette di offrire un'esperienza gastronomica unica, combinando l'atmosfera storica con le moderne creazioni culinarie di Brunda.

Le pizze di Brunda sono il risultato di un processo di lievitazione di oltre settanta ore, utilizzando una miscela di farine che garantisce una base leggera e croccante. Gli ingredienti, selezionati con cura, arricchiscono ogni pizza, offrendo un'esperienza culinaria ineguagliabile. Uno degli aspetti distintivi di Brunda è la costante formazione del team e la continua ricerca di innovazione, pur rimanendo fedeli alla tradizione della pizza autentica. Nico e Simona credono fermamente nel valore del lavoro di squadra e nell'importanza di un miglioramento continuo.

L'apertura della pizzeria Brunda a Mesagne è avvenuta a fine maggio. Con una formula di successo già testata a Brindisi, Brunda è pronta a diventare un punto di riferimento anche a Mesagne, portando con sé qualità, passione e originalità.

Video popolari

BrindisiReport è in caricamento