rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Speciale Ostuni

Porto Villanova: ieri l’ultima protesta, oggi il via ai lavori di rimozione delle alghe

OSTUNI – Ieri l’ultima domenica col naso tappato, per turisti, residenti e operatori commerciali. Una giornata segnatra anche da una plateale protesta: un cartellone per denunciare il cattivo odore e lo stato di sporcizia. Oggi i primi interventi, programmati da alcune settimane. Da questa mattina, infatti, così come preannunciato dal sindaco Domenico Tanzarella e dall’assessore all’Ambiente, Giuseppe Santoro, è iniziato l’intervento di recupero e asportazione delle alghe maleodoranti in putrefazione all’interno del porto di Villanova. Con apposita gru con braccio mobile, la ditta specializzata Cannone Teodoro srl di Brindisi, sta provvedendo ad eliminare l’ingente quantitativo di colonie di poseidonie depositate sotto la banchina della passeggiata nel porticciolo e accumulatasi in quel punto per l’azione delle correnti di levante.

OSTUNI - Ieri l'ultima domenica col naso tappato, per turisti, residenti e operatori commerciali. Una giornata segnatra anche da una plateale protesta: un cartellone per denunciare il cattivo odore e lo stato di sporcizia. Oggi i primi interventi, programmati da alcune settimane. Da questa mattina, infatti, così come preannunciato dal sindaco Domenico Tanzarella e dall'assessore all'Ambiente, Giuseppe Santoro, è iniziato l'intervento di recupero e asportazione delle alghe maleodoranti in putrefazione all'interno del porto di Villanova. Con apposita gru con braccio mobile, la ditta specializzata Cannone Teodoro srl di Brindisi, sta provvedendo ad eliminare l'ingente quantitativo di colonie di poseidonie depositate sotto la banchina della passeggiata nel porticciolo e accumulatasi in quel punto per l'azione delle correnti di levante.

L'anno scorso, le alghe maleodoranti prelevate dal bacino portuale di Villanova, furono circa 100 tonnellate; un quantitativo che si pensa di confermare anche quest'anno. L'intervento consentirà di liberare il golfo dall'enorme quantità di alghe, al fine di eliminare l'annosa questione che, in questo periodo e così come ogni anno, balza all'attenzione per il fenomeno della putrefazione di queste piante marine e i conseguenti problemi legati all'igiene e all'immagine turistica della borgata. Una ventata di aria pulita, dunque, alla vigilia del periodo pasquale.

Anche questa volta, col mutare del clima, si è verificato il fenomeno e, con urgenza si è intervenuti iniziando a smaltire il cumulo di alghe accumulatesi nello specchio d'acqua del porto tanto da creare una piccola spiaggia. Il sindaco Tanzarella riguardo al problema ha detto: "Il fenomeno si ripresenta con cadenza annuale e per la rimozione delle stesse, ogni anno vengono utilizzati mezzi, strumenti e risorse finanziari che, purtroppo, vanno ad incidere sul bilancio comunale. Anche quest'anno si sta provvedendo a ripulire il porto dalle alghe e l'Amministrazione sta dedicando particolare impegno e attenzione al porto rimettendo in piedi tutta la procedura per il recupero". Stamane sopralluogo anche dell'assessore ai Lavori, Francesco Salonna.

Col ripresentarsi del fenomeno con tutta la sua problematicità, si erano contestualmente sollevate anche le lamentele dei villeggianti e dei numerosi residenti nella località marina di Villanova. L'Ufficio ambiente aveva quindi provveduto ad espletare l'iter burocratico per lo smaltimento in apposita discarica, trattandosi di rifiuti speciali.

Con apposita ordinanza dirigenziale, il comandante della Polizia Municipale, Francesco Lutrino, ha ordinato che, sino al termine dei lavori di rimozione delle alghe è vietata la sosta e la circolazione a tutti i veicoli in via Petrolla e nel tratto che costeggia la banchina del porto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto Villanova: ieri l’ultima protesta, oggi il via ai lavori di rimozione delle alghe

BrindisiReport è in caricamento