rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Speciale Oria

Razzia di auto in trasferta. Beccati in flagranza, in due finiscono in cella

ORIA – Nell’arco di una notte erano riusciti, facendo irruzione in un garage sito in pieno centro ad Oria, a portare via un furgoncino e un’auto, facendo la spola tra il centro brindisino e le campagne del tarantino. Puntavano al tris, ma sono stati beccati in flagranza dai carabinieri e tratti in arresto. Le manette sono scattate ai polsi di Pasquale Pirro (24 anni) e Antonio Mero (34 anni), entrambi di Manduria, finiti nella rete nell’ambito di una vasta operazione di servizio condotta dai militari del Comando della stazione di Oria. Le sirene dei militari hanno fatto capolino nel centro oritano questa mattina, verso le ore 4.30, nel momento in cui i militari hanno sorpreso i due giovani intenti ad asportare una “Volkswagen Passat” parcheggiata a ridosso dell’ingresso di una palazzina.

ORIA - Nell'arco di una notte erano riusciti, facendo irruzione in un garage sito in pieno centro ad Oria, a portare via un furgoncino e un'auto, facendo la spola tra il centro brindisino e le campagne del tarantino. Puntavano al tris, ma sono stati beccati in flagranza dai carabinieri e tratti in arresto. Le manette sono scattate ai polsi di Pasquale Pirro (24 anni) e Antonio Mero (34 anni), entrambi di Manduria, finiti nella rete nell'ambito di una vasta operazione di servizio condotta dai militari del Comando della stazione di Oria. Le sirene dei militari hanno fatto capolino nel centro oritano questa mattina, verso le ore 4.30, nel momento in cui i militari hanno sorpreso i due giovani intenti ad asportare una "Volkswagen Passat" parcheggiata a ridosso dell'ingresso di una palazzina.

Da un controllo più approfondito i carabinieri si sono accorti che nelle immediate vicinanze anche un garage era stato forzato. E' stato sufficiente contattare il proprietario del box ed eseguire un rapido inventario per scoprire che all'appello mancavano una "Seat Altea" ed un furgone "Ford Transit". La perquisizione personale di uno dei due presunti ladri permetteva di rinvenire proprio le chiavi di accensione della "Seat". Appurata la responsabilità dei due giovani, le indagini permettevano di rinvenire i due veicoli nelle campagne di Oria e di Avetrana (in provincia di Taranto).

Una volta recuperati i due mezzi venivano immediatamente restituiti ai proprietari, che, data anche la scaltrezza dei due giovani, non si erano accorti di nulla. Pasquale Pirro e Antonio Mero, entrambi con diversi precedenti anche per reati contro il patrimonio, sono stati associati presso la casa circondariale di Brindisi, in attesa della convalida degli arresti. L'attività di indagine, intanto, prosegue per capire l'eventuale coinvolgimento dei due giovani in altri furti di auto verificatesi di recente non solo ad Oria ma anche in altri comuni, come Torre Santa Susanna ed Erchie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Razzia di auto in trasferta. Beccati in flagranza, in due finiscono in cella

BrindisiReport è in caricamento