Audit civico positivo per il centro Medea

BRINDISI - Nell’ambito del primo progetto nazionale di audit civico si è conclusa la valutazione del servizio dedicato ai bambini affetti da distrofia muscolare di Duchenne e Becker.

L'ingresso del Centro Medea

BRINDISI - Nell'ambito del primo progetto nazionale di audit civico promosso dall'associazione Parent Project Onlus in collaborazione con Cittadinanza Attiva e l'Associazione Italiana di Miologia (Aim), si è conclusa nelle scorse ore la valutazione civica della qualità del servizio d'assistenza dedicato ai bambini affetti da distrofia muscolare di Duchenne e Becker dell'Unità operativa complessa di Neuroriabilitazione 1 dell'Irccs "E. Medea" di Brindisi diretta dal dott. Antonio Trabacca.

L'audit è stato condotto da Marcella Mancini, presidente del Tribunale dei Diritti Del Malato di Brindisi e rappresentante di Cittadinanza Attiva, accompagnata dal dott. Trabacca, referente dell'Associazione Italiana di Miologia, dalla dott.ssa Luciana Losito referente di reparto per le malattie neuromuscolari e dal direttore generale dell'istituto scientifico, dott.ssa Carmen Chiaramonte.

L'unità operativa di Brindisi, già centro di riferimento regionale per le malattie neuromuscolari e centro di riferimento di primo livello per l'Associazione Italiana di Miologia, fa parte dei dodici Centri Clinici di Riferimento nazionale per la distrofia muscolare di Duchenne e Becker selezionati per partecipare al progetto di audit civico, uno dei tre centri dell'Italia Meridionale insieme a Napoli e Messina.

Questo lavoro, come riferito dal dott. Trabacca, consentirà di far emergere la fotografia delle attività svolte nei centri per verificare che la presa in carico sia conforme ai livelli standard europei di trattamento e di proporre iniziative di miglioramento quando necessario. Lo scopo finale è quello di proporre ai pazienti Centri Clinici con standard omogenei sul territorio nazionale, in modo da permettere loro di essere seguiti vicino al proprio domicilio.

La dott.ssa Mancini al termine della visita di audit all'interno del Medea ha avuto modo di constatare l'organizzazione dell'unità operativa brindisina apprezzando l'eccellenza dell'offerta clinico riabilitativa a favore dei bambini affetti da distrofia muscolare di Duchenne e Becker.

 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento