Caso meningite, sgomberata una scuola

SAN PANCRAZIO – Un addetta ai servizi tecnici della scuola media Alessandro Manzoni di San Pancrazio Salentino, una donna di 54 anni di San Donaci, dal pomeriggio di ieri è ricoverata all’ospedale Perrino di Brindisi per meningite batterica.

Genitori, insegnanti e studenti della Manzoni durante lo sgombero

SAN PANCRAZIO - Un addetta ai servizi tecnici della scuola media Alessandro Manzoni di San Pancrazio Salentino, una donna di 54 anni di San Donaci, dal pomeriggio di ieri è ricoverata nel reparto malattie infettive dell'ospedale Perrino di Brindisi per meningite batterica. Questa mattina la scuola, diretta dal professore Angelo Rampino, è stata evacuata per poter procedere alla sanificazione degli interni e scongiurare eventuali contagi.

I genitori dei ragazzi sono stati invitati a far eseguire le misure di profilassi a scopo preventivo. E nella stessa mattinata di oggi le farmacie del posto, da quanto raccontano alcuni residenti, sono state assaltate da genitori e parenti degli studenti della Manzoni. In pochi minuti avrebbero dato fondo alle scorte di "Rifadin", l'antibiotico consigliato per questo genere di patologie. Alcuni per reperire il farmaco si sono diretti nei comuni limitrofi.

Al momento quello della dipendente della scuola Manzoni sarebbe l'unico caso a San Pancrazio. La donna vive nella vicina San Donaci. Nella tarda mattinata di ieri, in seguito ad un violento mal di testa che non accennava a diminuire, è stata trasportata al Pronto soccorso dell'ospedale Ninetto Melli di San Pietro, in condizioni critiche. Quando gli esami del sangue hanno accertato la meningite batterica la 54enne, nel primo pomeriggio, è stata trasferita d'urgenza al Perrino di Brindisi e messa in isolamento e sotto terapia nel reparto infettivi.

La notizia della sua malattia è giunta alla segreteria della scuola solo questa mattina quando le lezioni erano già state avviate. Il dirigente scolastico non ha esitato a informare studenti e genitori, disponendo la chiusura della scuola per la sanificazione che avverrà ad opera dell'amministrazione comunale, che sta seguendo la vicenda. Sul posto si è recato il vice sindaco, il dottor Pasquale Fina con i vigili urbani che dopo un sopralluogo hanno coordinato l'uscita da scuola dei ragazzi.

"Non c'è allarme ma è il caso di evitare eventuali contagi, la perdona colpita non è quotidianamente a contatto con gli studenti ma è capitato negli ultimi giorni che qualcuno abbia usufruito della biblioteca per prendere dizionari e atlanti - ha spiegato il preside Rampino, raggiunto telefonicamente - . perciò come da protocollo abbiamo schiuso la scuola e consigliato ai genitori degli studenti le misure di prevenzione da adottare".

 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento