Comitato salute infantile e Federazione della Sinistra: “No alla soppressione dei reparti”

OSTUNI - Presso il locale circolo “Sandro Curzi” della Federazione della Sinistra, si è svolta una riunione organizzativa cui hanno partecipato gli esponenti del Comitato salute infantile ed i rappresentanti della Federazione della Sinistra. All’ordine del giorno un solo punto: “Le iniziative da intraprendere a fronte del venir meno (almeno per ora), da parte dell’Assessore regionale alla Sanità, Tommaso Fiore, alla promessa di un incontro tra i “tecnici” degli enti di cui sopra e quelli dell’Assessorato guidato dal medico barese, prima della decisione definitiva, in merito all’eventuale trasferimento dei reparti di ostetricia e pediatria da Ostuni a Fasano”.

L'ospedale di Ostuni

OSTUNI - Presso il locale circolo "Sandro Curzi" della Federazione della Sinistra, si è svolta una riunione organizzativa cui hanno partecipato gli esponenti del Comitato salute infantile ed i rappresentanti della Federazione della Sinistra. All'ordine del giorno un solo punto: "Le iniziative da intraprendere a fronte del venir meno (almeno per ora), da parte dell'assessore regionale alla Sanità, Tommaso Fiore, alla promessa di un incontro tra i "tecnici" degli enti di cui sopra e quelli dell'Assessorato guidato dal medico barese, prima della decisione definitiva, in merito all'eventuale trasferimento dei reparti di ostetricia e pediatria da Ostuni a Fasano".

Nel mirino dei partecipanti alla conferenza, dunque, l'assessore regionale alla Sanità: "Prendiamo atto dell'inerzia dell'assessore Fiore, che nell'incontro svoltosi il 18 ottobre scorso, tra lui e i componenti del comitato cittadino, aveva assicurato un confronto prima di qualsiasi decisione in merito al trasferimento dei reparti presso il nosocomio di Fasano. Ma nonostante l'impegno, e nonostante le continue sollecitazioni telefoniche giunte dal coordinatore cittadino della Federazione della Sinistra Giancarlo Scalone, nulla si è mosso in tal senso". La battaglia, però, prosegue: "Per fronteggiare questa inerzia, e per scegliere le forme di lotta più appropriate e per evitare questo ennesimo scempio nella sanità pubblica, Fed e comitato, si sono dati appuntamento a lunedì prossimo alle 19.30".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento