Consultorio: ristrutturato e abbandonato

SAN PANCRAZIO SALENTINO – “Quando riaprirà il consultorio, o resterà un'opera inutilizzata come tante altre?”.

Il consultorio di San Pancrazio

SAN PANCRAZIO SALENTINO - "Quando riaprirà il consultorio, o resterà un'opera inutilizzata come tante altre?". E' questa la domanda che da più di un anno si pone, a nome di numerosi cittadini, il Movimento autonomo di base di San Pancrazio, coordinato dal commerciante Oronzo Micelli, impegnato in prima linea per evitarne la chiusura definitiva. L'edificio che ospita i poliambulatori, situato in via Torre a San Pancrazio, è stato ristrutturato con fondi europei, quasi un milione di euro, l'opera, da quanto si legge nel cartello lavori, è stata ultimata nel 2011 ma i cittadini ancora non possono usufruirne.

"Funziona solo un'ala dall'edificio ed è destinata alle semplici prenotazioni, per le consulenze urgenti è stato allestito un ambulatorio in via Mare, nella zona 167, accanto al Teatro comunale, per tutto il resto i cittadini di San Pancrazio devono recarsi a San Pietro Vernotico - spiega Micelli - quello che ci chiediamo è: in data 27 dicembre 2012 quando c'è stato l'incontro tra assessori competenti regionali sindaci ed altri organi, ed è stato approvato lo schema della Regione Puglia sul riordino della rete dei consultori regionali, il sindaco di San Pancrazio, dov'era?".

Da quanto spiega il coordinatore del Movimento autonomo di base, poi, "dopo il nostro intervento il sindaco e altre associazioni si sono fatti promotori di raccogliere le firme per salvare il consultorio ma è bene ricordare che con delibera n°182 del 31 gennaio 2013, la Asl di Brindisi ha nominato il gruppo di coordinamento per l'accorpamento dei consultori familiari, con provvedimento 572/13 del 22 marzo 2013 è stata approvata la riorganizzazione dei consultori, decretando la chiusura definitiva del consultorio di San pancrazio a favore di San Pietro Vernotico. E l'amministrazione comunale dove stava?Per questa opera si sono spesi circa un milione di euro ed è vuoto e senza servizi. E' vergognoso entrare nel consultorio per vedere mobili vecchi ammassati e ancora materiale di risulta della costruzione".

 

 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento