Un nuovo defibrillatore per la comunità di San Michele Salentino

Si trova in piazza Marconi. E' stato donato ieri sera a conclusione di una tradizionale ciclopasseggiata benefica

SAN MICHELE SALENTINO - Un nuovo defibrillatore a disposizione della comunità di San Michele Salentino è stato donato, ieri sera, a conclusione della tradizionale ciclopasseggiata organizzata da Tonino Pace, Giuseppe Ligorio e Lino De Donno con il Patrocinio dell’amministrazione comunale.

“L’importante strumento salvavita, già apposto in Piazza Marconi – dichiara il sindaco, Giovanni Allegrini - servirà a rendere San Michele un paese cardioprotetto e garantirà il più possibile la protezione e l’aiuto ai cittadini o ai turisti che incorrano in problemi di salute per i quali è necessario il ricorso, proprio, a un defibrillatore”. 

In base alle statistiche, infatti, solo in Italia si registrano 60 mila decessi l’anno per arresto cardiaco e grazie ai defibrillatori semiautomatici si calcola che almeno nel 35% di questi casi le persone potrebbero essere salvate. Il fattore tempo è, dunque, determinante e avere a disposizione uno strumento salvavita a poche centinaia di metri è fondamentale per il soccorso.

Con il contributo volontario delle decine e decine di partecipanti alla ciclopasseggiata, è stato, infatti, possibile acquistare da parte degli organizzatori, questo strumento salvavita semiautomatico che è stato apposto, proprio, in piazza Marconi, luogo principale del paese.

Tantissimi bambini accompagnati dai genitori, tanti amanti delle due ruote, tanti sportivi, singoli cittadini, si sono dati appuntamento in piazza Marconi per la tradizionale ciclopasseggiata che si è snodata per le principali arterie cittadine, colorata dall’armonia e dall’allegria sprigionati da grandi e bambini.
 
“Ringrazio di cuore tutti coloro che hanno contribuito al buon esito dell'evento – conclude Allegrini -  dagli organizzatori, alla polizia municipale, ai miei concittadini sensibili non solo allo sfondo ecologico che rappresenta questa manifestazione, ad un momento importante di socialità ma, soprattutto, per l'obiettivo benefico della manifestazione, ovvero, la donazione del  Defibrillatore a disposizione della Comunità per il cui funzionamento ci attiveremo, nei prossimi giorni, per formare tutti i titolari degli esercizi pubblici del centro, proprio, per avere operatori pronti all'intervento in caso di necessità”.

Potrebbe interessarti

  • Chiusura di due centri di salute mentale: la Cisl Fp diffida l'Asl Brindisi

  • Oncologia: "Tumori al seno: operiamo oltre 300 pazienti l'anno"

  • Precari Sanitaservice: proroga contratti fino al 31 dicembre 2019

  • Chiusura centri salute mentale, Fp Cgil: "L'Asl faccia chiarezza"

I più letti della settimana

  • Chiusura di due centri di salute mentale: la Cisl Fp diffida l'Asl Brindisi

  • Emergenza sangue: i vigili del fuoco di Brindisi rispondono all'appello

  • Oncologia: "Tumori al seno: operiamo oltre 300 pazienti l'anno"

  • Nuovo ruolo da protagonista dell’infermiere nel management clinico

  • Sanitaservice: "Impossibile coprire livelli minimi di assistenza"

  • Precari Sanitaservice: proroga contratti fino al 31 dicembre 2019

Torna su
BrindisiReport è in caricamento