Papilloma virus, visite gratuite e vaccini a prezzi agevolati

OSTUNI - “Agevolare la salute in rosa e la vaccinazione nei confronti del papilloma virus umano, responsabile della stragrande maggioranza dei casi di cancro del collo dell’utero”. Questo l’obiettivo di fondo che animerà lunedì prossimo, 8 marzo (Giornata della donna), un convegno in programma presso il Salone della Biblioteca Comunale (ore 18,30).

vaccinazione contro Hpv

OSTUNI - “Agevolare la salute in rosa e la vaccinazione nei confronti del papilloma virus umano, responsabile della stragrande maggioranza dei casi di cancro del collo dell’utero”. Questo l’obiettivo di fondo che animerà lunedì prossimo, 8 marzo (Giornata della donna), un convegno in programma presso il Salone della Biblioteca Comunale (ore 18,30). Tema specifico della conferenza: “Vaccinazione anti Hpv nelle donne in fascia d’età 15-25 anni”.

La manifestazione, organizzata dal Comune di Ostuni in collaborazione con l’Asl Brindisi in occasione dell’Anno 2010 “Progetto Donna”, sarà introdotta dal dottor PierLuigi Sozzi, Dirigente Medico dell’Ospedale di Ostuni. Nel corso dei lavori interverranno: il sindaco di Ostuni, Domenico Tanzarella, il Direttore generale Asl di Brindisi, Rodolfo Rollo e il consigliere provinciale Giovanni Epifani.

Le relazioni saranno svolte dal professor Vito Trojano, Direttore dell’Unità operativa complessa di Ginecologia Oncologica dell’Ospedale di Bari e il dottor Renato Efisio Parodi, segretario regionale Aogoi (Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri Italiani).

Gli esperti discuteranno sul ruolo della vaccinazione nelle giovani donne e sulla prevenzione che prevede visite ginecologiche gratuite e la somministrazione del vaccino a prezzo agevolato.

L’iniziativa, inserita nell’ambito del “Progetto Donna” che si svilupperà nel 2010, è espressamente dedicata alle donne e rappresenta un’importante novità nel panorama sanitario regionale ed è stata realizzata con il coinvolgimento della Presidente del Comitato delle Pari Opportunità del comune della Presidente del Forum della Società Civile ostunese.

“Questa strategia di prevenzione a favore della comunità, che ha visto un grande impegno dell’amministrazione comunale, è un contributo tangibile - spiega il dottor Sozzi - in ambito sanitario per le giovani e le loro famiglie. Oggi sappiamo infatti che la vaccinazione nei confronti del virus Hpv, responsabile della stragrande maggioranza dei casi di tumore della cervice uterina, è uno strumento utilissimo per la prevenzione di questa forma di cancro insieme alle regolari visite ginecologiche con esecuzione del Pap-test, che permette la diagnosi precoce di eventuali anomalie”.

Da parte sua, il professor Trojano sottolinea la valenza di alcuni studi presentati alla Conferenza Internazionale Eurogin, recentemente tenutasi a Monaco: “Tali ricerche sostengono il beneficio della vaccinazione nelle giovani donne che non vengono normalmente interessate dalle campagne di prevenzione per il tumore della cervice uterina”.

Una nuova sub-analisi del più ampio studio clinico di efficacia condotto fino ad ora ha inoltre dimostrato che Cervarix, il vaccino contro il tumore della cervice uterina scelto per le ragazze di Ostuni, risulta altamente efficace (96,2 per cento) nei confronti dell’infezione da HPV 16 e 18, i due ceppi responsabili del maggior numero di tumori della cervice uterina nelle giovani donne di età compresa tra i 18 e i 25 anni, anche se esse sono già state esposte all’infezione da questi virus HPV, cioè dopo l’inizio dell’attività sessuale.

Visite ginecologiche gratuite e vaccino Cervarix offerto a prezzo agevolato: queste le agevolazioni riservate a 150 ragazze e donne tra i 15 e i 25 anni. Un’azione di prevenzione messa in atto dal Comune di Ostuni in collaborazione con la Asl di Brindisi. La scelta di vaccinare ragazze più grandi si basa su recenti ricerche che hanno dimostrato come l’efficacia della vaccinazione si mantenga anche quando questa viene effettuata dopo i 12-13 anni, la fascia d’età in cui il vaccino è offerto gratuitamente dalle ASL.

Nei giorni scorsi, intanto, il dottor Sozzi e la dottoressa Anna Gemma Simini (Ufficio di igiene) hanno incontrato le studentesse delle scuole superiori di Ostuni e quelle dell’istituto pedagogico di Cisternino affrontando il problema in tutte le sue sfaccettature e mettendo a conoscenza delle giovani le opportunità offerte da questa specifica attività di prevenzione.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Associazione donne operate al seno: si inaugura la nuova sede

  • Coronavirus, corso di aggiornamento per i farmacisti brindisini

  • Mesagne: Avis e Croce Amica insieme per la raccolta sangue

Torna su
BrindisiReport è in caricamento