Mesagne: parte la petizione per la riattivazione funzionale dell’ospedale

Raccolta firme al via domenica 28 gugno in villa comunale, alle 10.30. Si chiede alla Regione di integrare le funzioni del Pta

MESAGNE - La petizione popolare illustrata lo scorso 6 giugno nell’aula consiliare del Comune di Mesagne, con la quale si chiede alla Regione Puglia una nuova programmazione ed il consolidamento per l’Ospedale “San Camillo de Lellis”, potrà essere sottoscritta a partire da domani, domenica 28 giugno. In particolare, l’istanza chiede di integrare e incrementare le funzioni del Pta - Presidio Territoriale di Assistenza, restituendo all’Ospedale di Mesagne la funzione di struttura ospedaliera da configurare come polo di continuità assistenziale in sinergia con il Presidio Ospedaliero “Perrino”. 

Domani, alle ore 10.30 nei pressi della colonna votiva in Villa comunale, il Comitato promotore presenta il documento elaborato e condiviso in queste settimane, che potrà essere firmato da tutti coloro che vorranno sottoscriverlo. Il Comitato è composto da. Gianfranco Ignone, Salvatore Brigante, Giuseppe Lecce, Domenico Stella, Biagio Silla, Alessandro Cesaria, Alessandro Rubino, Gianluca Primiceri, Alessandro Distante che è stato individuato come referente. 

E’ prevista la partecipazione dei rappresentanti istituzionali del territorio e dei rappresentanti politici di maggioranza e di opposizione che potranno intervenire liberamente. Da domani il documento potrà essere firmato anche accedendo al link petizione.com. A partire da martedì 30 giugno, la petizione potrà essere sostenuta recandosi presso l’ufficio Elettorale del Comune di Mesagne durante gli orari di apertura al pubblico.

I promotori intendono avviare ogni iniziativa utile per il successo della petizione e in particolare organizzeranno eventi pubblici per promuovere la raccolta di firme prevedendo banchini, sit-in, riunioni nei vari quartieri della città di Mesagne e in altri comuni della provincia di Brindisi, in primis quelli afferenti al Distretto di Mesagne e che hanno il “San Camillo de Lellis” come riferimento ospedaliero, coordinando la propria azione con quella di altre istituzioni che intendono sostenere e perseguire finalità specificate. L’iniziativa è aperta a tutti coloro che vorranno condividere i principi ispiratori del comitato, senza alcuna restrizione.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • La sede Onu di Brindisi dona al Perrino barella di biocontenimento

  • Vincitori concorso Oss, Fp Cgil: "Si conoscano i criteri di collocazione"

  • A Brindisi nascerà un ambulatorio dedicato in maniera esclusiva al diabete di tipo 1

  • Servizio di 118: "Asl Brindisi in ritardo con le internalizzazioni"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento