rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
sanita Fasano

Quattro donne nell'equipe indagata

FASANO - Raffaella Maria Abatecola (Dirigente in Ginecologia e Ostetricia), Leonardo Arnese (anestesista), Antonia Di Bello, Rosanna Martucci, Santina Sardella (infermiere). Sono i due medici e le tre infermiere di sala operatoria dell’ospedale Umberto I di Fasano indagati dalla Procura della Repubblica perché, dopo l’intervento, dimenticarono una garza nel corpo della paziente. Concorso in lesioni personali colpose: questa l’ipotesi di reato per cui il pubblico ministero Pierpaolo Montinaro procede nei loro confronti.

FASANO  - Raffaella Maria Abatecola (Dirigente in Ginecologia e Ostetricia), Leonardo Arnese (anestesista), Antonia Di Bello, Rosanna Martucci, Santina Sardella (infermiere). Sono i due medici e le tre infermiere di sala operatoria dell?ospedale Umberto I di Fasano indagati dalla Procura della Repubblica perché, dopo l?intervento, dimenticarono una garza nel corpo della paziente. Concorso in lesioni personali colpose: questa l?ipotesi di reato per cui il pubblico ministero Pierpaolo Montinaro procede nei loro confronti.

Secondo l?accusa medici e infermieri avrebbero, ?in cooperazione colposa tra loro, per negligenza, imprudenza ed inosservanza di norme che disciplinano l?attività medico-chirurgica?, causato lesioni ad una paziente che si era sottoposta ad intervento chirurgico ?per via vaginale di polipectomia cervicale?.  La negligenza dell?equipe operatoria ha avuto come conseguenza che una delle garze è rimasta nel corpo della paziente.

La donna poi a distanza di dodici giorni dall?intervento, eseguito il 9 giugno del 2011, avvertendo dei dolori lancinanti (quindi il 21 giugno) si fece visitare dalla stessa ginecologa. In quel frangente la dottoressa ? scrive il magistrato inquirente nell?avviso di conclusione delle indagini preliminari ? ?ometteva di effettuare adeguati riscontri diagnostici mediante esami clinici nonostante la donna lamentasse dolori?.

La permanenza della garza chirurgica, introdotta durante l?intervento e poi dimenticata, nella cavità vaginale della paziente ha provocato alla donna un?infezione che le causato forti dolori. Nei giorni scorsi il magistrato inquirente ha fatto notificare agli indagati e ai loro difensori l?avviso di conclusione delle indagini preliminari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quattro donne nell'equipe indagata

BrindisiReport è in caricamento