Servizio pulizie e precari Sanitaservice: incontro in Regione

Sit in del sindacato Cobas a Bari. "Regione impegnata in un progetto di riunificazione di tutte le Sanitaservice"

BRINDISI - Le questioni riguardanti l’esternalizzazione del servizio pulizie e la stabilizzazione dei precari sono state al centro di un incontro svoltosi ieri (martedì 18 settembre) fra il segretario provinciale del sindacato Cobas di Brindisi, Roberto Aprile, e il capo di Gabinetto della Regione Puglia, Claudio Stefanizzi, mentre all’esterno del palazzo della Regione si svolgeva un sit in dei lavoratori della Sanitaservice di Brindisi. Il Cobas, come noto, chiede la sospensione del bando di gara indetto dall’Asl Brindisi per affidare a una ditta privata il servizio di pulizie, a seguito di una sentenza del Consiglio di stato favorevole a un ricorso della Markas. 

Su questo fronte “la Regione – si legge in un comunicato a firma di Aprile - si è impegnata in un progetto che vede la riunificazione in un unico organismo di tutte le Sanitaservice, con l'obiettivo di mettere dentro settori strategici di attività oggi affidate ai privati”.” Il tutto – prosegue Aprile - porterebbe ad un significativo risparmio e qualificazione delle attività di Sanitaservice”. Secondo Stefanazzi sarebbe quindi una battaglia di retroguardia la difesa del lavoro nel settore delle pulizie, dove aziende italiane ed europee sono pronte a sottoscrivere contratti a costi sempre più bassi.

Per quanto riguarda la questione precariato, il direttore generale dell’Asl Brindisi, Giuseppe Pasqualone, di

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento