Sanitaservice: "Impossibile coprire livelli minimi di assistenza"

Stato di agitazione di tutti i servizi proclamato dai sindacati Fp Cgil e Uil Fpl a causa della carenza di personale

BRINDISI – Con Il personale attualmente a disposizione, la Sanitaservice non è più in grado di “coprire, o per lo meno raggiungere, i livelli minimi di assistenza”. Lo denunciano i sindacati Fp Cgil e Uil Fpl attraverso una nota indirizzata all’amministratore unico della società e al direttore generale dell’Asl Brindisi, in cui proclamano lo stato di agitazione di tutti i servizi.

Le organizzazioni sindacali da tempo rimarcano i disagi derivanti dalla “carente organizzazione lavorativa presente nell’Asl Brindisi a causa della carenza di personale, con una struttura oramai al collasso”. Tutto questo non può che ripercuotersi “negativamente a danno dell’utenza”, sostengono ancora i sindacati, che parlano anche di “inefficienza nella gestione quotidiana dell’assistenza e dei servizi”.

“L’impegno, la volontà e la professionalità di questi lavoratori – si legge nelle lettera - non è più sufficiente a coprire, o per lo meno a raggiungere, i livelli minimi di assistenza. Inoltre, gli stessi spesso hanno rinunciato a usufruire di permessi o ferie per andare a coprire carenze organiche”.

Ma adesso i sindacati dicono “basta”. Per questo chiedono “a gran voce che si proceda quanto prima a formulare un piano di assunzioni per poter dare a questi lavoratori la possibilità di avere i turni regolari, di poter usufruire dei riposi compensativi e delle ferie estive in base a quanto previsto dal contratto collettivo nazionale del lavoro in uso”. Tutto questo ha portato alla proclamazione dello stato d’agitazione. 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento