sanita

Sterilizzazione cagne domestiche, aderisce anche S.Michele

SAN MICHELE SALENTINO - Anche il Comune di San Michele Salentino entra a far parte della lista delle amministrazioni locali del Brindisino che partecipano al programma, lanciato dalla Asl, di sterilizzazione delle cagne domestiche. Il programma, nel caso di San Michele, riguarda i 26 animali di sesso femminile censiti in basi ai registri delle denunce effettuate dai proprietari. Ovviamente il numero dei cani con padrone è molto più alto, ma questo dell'evasione dell'obbligo di denuncia e di applicazione del microchip ai cani domestici è un altro tipo di problema.

SAN MICHELE SALENTINO - Anche il Comune di San Michele Salentino entra a far parte della lista delle amministrazioni locali del Brindisino che partecipano al programma, lanciato dalla Asl, di sterilizzazione delle cagne domestiche. Il programma, nel caso di San Michele, riguarda i 26 animali di sesso femminile censiti in basi ai registri delle denunce effettuate dai proprietari. Ovviamente il numero dei cani con padrone è molto più alto, ma questo dell'evasione dell'obbligo di denuncia e di applicazione del microchip ai cani domestici è un altro tipo di problema.

Il programma è finanziato con 100mila euro dalla Asl, e ci attende che una somma analoga venga messa a disposizione dei 20 Comuni (ma alcuni ancora non hanno aderito). Ciò consente di dimezzare la somma a carico del proprietario che accetta di fare sterilizzare la propria cagna: il resto dei 100 euro assunti come cifra di riferimento per intervento lo pagano Comune ed Asl. A San Michele la campagna di sensibilizzazione per l'adesione dei cittadini interessati al programma è stato affidato al comandante dei vigili urbani, Angelo Filomeno.

Secondo i dati disponibili, la popolazione femminile canina regsistrata nei 20 Comuni della provincia di Brindisi è di poco inferiore alle 1700 unità. Sempre secondo il Servizio veterinario della Asl di Brindisi, una sterilizzazione a tappeto servirà nel tempo a far calare ulteriormente il fenomeno del randagismo, "alimentato dall'abbandono di numerosi cuccioli, frutto di gravidanze indesiderate dai proprietari delle cagne domestiche, soprattutto nelle zone di campagna", spiega il comandante Filomeno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sterilizzazione cagne domestiche, aderisce anche S.Michele

BrindisiReport è in caricamento