Effetto Baldassarre: tutti vogliono revocare qualcosa. In autotutela...

La vicesindaco Paola Baldassarre ha fatto da apripista: grazie a lei, ognuno di noi può ora cancellare un errore di gioventù, un peccato veniale, o qualcosa di più grave. Basta ritirare la propria firma in autotutela. Che avvenga dopo pochi istanti o dopo qualche anno, non importa: ogni errore sarà cancellato per magia. La vicesindaco ha fatto sparire la sua firma dalle delibere di proroga alla News e di affidamento alla Motumus della rassegna Culturamiamo. E voi, cosa vorreste cancellare dalla vostra vita? In attesa delle risposte, ecco alcune richieste di revoca in autotutela pervenute nelle ultime ore in redazione.

Giovanni Antonino

La vicesindaco Paola Baldassarre ha fatto da apripista: grazie a lei, ognuno di noi può ora cancellare un errore di gioventù, un peccato veniale, o qualcosa di più grave. Basta ritirare la propria firma in autotutela. Che avvenga dopo pochi istanti o dopo qualche anno, non importa: ogni errore sarà cancellato per magia. La vicesindaco ha fatto sparire la sua firma dalle delibere di proroga alla News e di affidamento alla Motumus della rassegna Culturamiamo. E voi, cosa vorreste cancellare dalla vostra vita? In attesa delle risposte, ecco alcune richieste di revoca in autotutela pervenute nelle ultime ore in redazione.

Mimmo Consales: «Chiedo in autotutela di revocare la nomina ad assessore della Baldassarre».

Mimmo Mennitti: «Chiedo, in autotutela, di revocare la mia idea di dire a Berlusconi di creare Forza Italia. So che pagherò per averlo fatto, e mi rendo conto che l'Inferno sarà una punizione fin troppo leggera in confronto ai danni che sono stati procurati al Paese».

Massimo Ferrarese: «Chiedo, in autotutela, di revocare la firma delle mie dimissioni da presidente della Provincia. E se è possibile, vorrei cancellare anche la mia iscrizione a Forza Italia e la mia amicizia con Casini. Se è troppo, chiedo in alternativa di potermi revocare dall'essere Massimo Ferrarese».

Ernesto G. (lettore a noi sconosciuto): «Chiedo, in autotutela, di revocare il matrimonio con mia moglie».

Antonio Celeste: «Chiedo, in autotutela, di revocare la mia esperienza professionale a Studio 100».

Giovanni Antonino: «È valido anche per indagini e condanne?»

Elettore di centrodestra: «Revoco, in autotutela, il voto dato per ben due volte al sindaco Mennitti».

Stesso elettore del centrodestra: «Revoco, in autotutela, anche il voto che ho dato l'anno scorso a Consales».

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento