satyricon

Brindisi come Venezia e New York: ecco le grandi idee di Consales

Brindisi è un città fortunata: per sette anni è stata amministrata da una giunta di centrodestra i cui protagonisti per 15 ore al giorno dormivano e per le altre restanti nove oziavano. Poi è arrivato il sindaco Consales, alcuni ex protagonisti della giunta di centrodestra hanno indossato la casacca del centrosinistra, e le cose sono di colpo cambiate

Brindisi è un città fortunata: per sette anni è stata amministrata da una giunta di centrodestra i cui protagonisti per 15 ore al giorno dormivano e per le altre restanti nove oziavano. Poi è arrivato il sindaco Consales, alcuni ex protagonisti della giunta di centrodestra hanno indossato la casacca del centrosinistra, e le cose sono di colpo cambiate. Ora abbiamo un sindaco che lavora 15 ore al giorno e nelle restanti 9 invece di riposare sogna e predispone grandi progetti di sviluppo per la città. Per sua fortuna ha una finta opposizione che anziché fargli mancare i numeri in consiglio comunale, si inventa in pieno agosto una inutile quanto ridicola raccolta di firme per mandarlo a casa.  Comunque, ecco a voi in anteprima il mega-progetto Consales per rendere finalmente Brindisi una città turistica, al pari di Venezia, New York e Roma.

gondolieri-2 LE MAGANAVI DA CROCIERA.

«A Venezia non vogliono più le navi nel porto. Non possiamo perdere questa grande opportunità», ha sentenziato il primo cittadino. Ecco allora uno scenario fantastico: poiché, come è noto a tutti, Brindisi ha la stessa bellezza e attrattività di Venezia, dalla prossima stagione tutte le navi-crociera che toccano la laguna verranno a Brindisi. Non avremo San Marco, i ponti e le gondole, ma in compenso ci sono centinaia di brindisini pronti a farsi immortalare davanti alle grandi navi che entrano in porto. (Nella foto, gondolieri veneziani disoccupati dopo lo spostamento a Brindisi dei crocieristi)

LE RAGAZZE IN TOPLESS.

«Se il sindaco De Blasio non vuole più le ragazze in topless a Times Square, siamo pronti ad ospitarle a Brindisi. Non possiamo perdere questa meravigliosa opportunità», ha gridato il sindaco di Brindisi. Del resto è notorio che Piazza Vittoria non ha nulla da invidiare a Times Square, e dunque perché non trovare uno spazio a queste fanciulle che in cambio di 10 dollari si fanno fotografare insieme ai turisti? Per una volta anche l’opposizione è favorevole: persino Riccardo Rossi, Roberto Fusco e Giovanni Brigante vedono qualcosa di buono nella trovata del sindaco. E crediamo sia superfluo spiegarvi cosa sia quel qualcosa di buono. Basta guardare la foto.

I FUNERALI DEI MAFIOSI

«Se Roma non sopporta più i funerali del clan dei Casamonica, siamo pronti ad ospitare i prossimi show. Un prete disponibile si trova sempre. E per di più avremmo un sacco di comparse che non vedono l’ora di indossare nuovamente i panni dei contrabbandieri e dei malviventi di strada». Del resto è noto a tutti che il recente passato cittadino non è molto diverso da quello andato in scena durante lo spettacolo romano. Anche in questo caso la proposta ha trovato in consiglio comunale consensi bipartisan: sono in tanti, infatti, ad avere conservato le tute acetate nell’armadio, in attesa di un ritorno di fiamma della Brindisi dei tempi del contrabbando. E così, se a Savelletri si celebrano i matrimoni dei vip, a Brindisi si piangeranno i morti. Loro.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brindisi come Venezia e New York: ecco le grandi idee di Consales

BrindisiReport è in caricamento