rotate-mobile
scuola Ostuni

“Aule? No, forni”. Malori e proteste

OSTUNI - “Negli uffici non mancano i comfort. Ma le aule dei nostri figli, con questo caldo, sono invivibili”. A tuonare sono i genitori dei bambini che frequentano il primo circolo didattico “Pessina”, attualmente ospitati presso l’edificio in via “Pinto”, per anni sede della scuola elementare “Vitale”. “In quelle aule è difficile persino respirare, con questo caldo”.

OSTUNI - "Negli uffici non mancano i comfort. Ma le aule dei nostri figli, con questo caldo, sono invivibili". A tuonare sono i genitori dei bambini che frequentano il primo circolo didattico "Pessina", attualmente ospitati presso l'edificio in via "Pinto", per anni sede della scuola elementare "Vitale". "In quelle aule è difficile persino respirare, con questo caldo".

La denuncia è chiara, il malumore diffuso: "Se le strutture scolastiche non sono in grado di far fronte con adeguati impianti di climatizzazione alle calure estive allora bene avrebbero fatto le direzioni didattiche a rinviare l'apertura della stagione scolastica. Invece, in piena autonomia, hanno confermato l'avvio delle lezioni, costringendo i nostri bambini a sopportare condizioni climatiche ed ambientali proibitive, tant'è che alcuni scolari hanno anche accusato lievi malori".

Questo l'atto d'accusa di alcuni genitori, che avrebbero preferito lo slittamento dell'inizio delle lezioni. La campanella, in buona parte delle scuole primarie della provincia, è suonata il 12 settembre scorso: in piena estate, meteorologicamente parlando. Temperature infernali, soprattutto se si è chiamati ad affrontarle all'interno di quattro mura piuttosto strette e prive di qualunque sollievo: né ventilatori, né aria condizionata. Nulla. Condizioni di precarietà che accomunano, sotto il profilo infrastrutturale, tutte le realtà della scuola pubblica.

In attesa che siano completate le opere di ammodernamento e ristrutturazione dello storico edificio scolastico di Piazza Italia, scolari e docenti del 1° Circolo didattico ostunese, come già accaduto lo scorso anno, affronteranno la stagione 2011/2012 presso la struttura di via Pinto, a valle del Centro storico, che in passato ha ospitato il secondo circolo didattico "Vitale", trasferitosi da alcuni anni presso il complesso dell'ex scuola media San Carlo Borromeo, in via Pepe. Ma un po' in tutti i complessi scolastici, il caldo sta mietendo disagi. E proteste.

"Ci chiediamo a che serva l'autonomia scolastica, se poi non si è in grado di comprendere che far svolgere le lezioni con queste temperature e in quegli ambienti significa mettere a rischio la salute dei nostri figli". E da domani torneranno in aula anche gli studenti della scuole medie e delle scuole Superiori. Con la speranza che cessi la morsa del gran caldo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Aule? No, forni”. Malori e proteste

BrindisiReport è in caricamento