Borse ricerca, 5 milioni dalla Regione

BARI – Anche quest’anno saranno finanziate le borse di studio per i dottorandi delle Università della Puglia. E’ stato infatti pubblicato il bando relativo ai dottorati di ricerca. Lo ha reso noto stamane l’assessore regionale al Diritto allo Studio e della Formazione, Alba Sasso. L’intervento regionale sosterrà anche l’impegno per gli stage all’estero compresi nelle borse stesse. La spesa complessiva va oltre i 5 milioni di euro.

Alba Sasso

BARI - Anche quest'anno saranno finanziate le borse di studio per i dottorandi delle Università della Puglia. E' stato infatti pubblicato il bando relativo ai dottorati di ricerca. Lo ha reso noto stamane l'assessore regionale al Diritto allo Studio e della Formazione, Alba Sasso. L'intervento regionale sosterrà anche l'impegno per gli stage all'estero compresi nelle borse stesse. La spesa complessiva va oltre i 5 milioni di euro.

Saranno 61 le borse di studio assegnate per l'Università di Bari, 13 per il Politecnico del capoluogo, all'Università del Salento andranno 32 borse di studio, 13 per l'Università di Foggia e 2 alla Lum Jean Monnet. Le borse di studio per i dottorati di ricerca saranno finanziate dalla Regione per due anni, utilizzando la disponibilità del Fondo sociale europeo, mentre le Università si impegnano a coprire l'intero finanziamento per il terzo anno.

"L'intervento complessivo di oltre 5 milioni di euro - ha sottolineato l'assessore regionale - che va ad aggiungersi all'impegno complessivo sui dottorati di circa 70 milioni di euro dal 2009 ad oggi, sarà ripartito tra le Università pugliesi, secondo il criterio del numero dei laureati dello scorso anno. Aggiungendosi alle tante iniziative della Regione a sostegno dello sviluppo e dell'investimento sul capitale umano rappresentato dai nostri giovani (da Diritti a scuola, Ritorno al futuro, Borse di

ricerca, ecc.) questo bando - conclude Alba Sasso - intende realizzare e sostenere quella che è una scelta strategica della Regione che continua a puntare sulla valorizzazione delle intelligenze e dei talenti e sulla loro capacità di assimilare nuove conoscenze come fattore determinante di sviluppo . Un circuito virtuoso tra innovazione, ricerca e alta formazione per il lavoro che la Regione Puglia intende continuare a sostenere".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento