rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
scuola Carovigno

Dal “Calamo” alle olimpiadi: dell'italiano

OSTUNI - L’italiano è ormai diventato la lingua comune degli italiani, così come auspicato dai padri fondatori della nazione, e la ricorrenza dei 150 anni dell’Unità nazionale è stata, anche su questo tema, occasione di bilancio e di progetto. Così, per rinnovare lo studio e l’apprendimento dell’italiano e perché la sua pratica possa diventare elemento essenziale di formazione culturale, indispensabile strumento di conoscenza, agente primo di comunicazione e di relazioni, quest’anno l’Accademia della Crusca, sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica ed in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e l’Università di Firenze, ha indetto la prima edizione delle Olimpiadi di lingua italiana.

OSTUNI - L'italiano è ormai diventato la lingua comune degli italiani, così come auspicato dai padri fondatori della nazione, e la ricorrenza dei 150 anni dell'Unità nazionale è stata, anche su questo tema, occasione di bilancio e di progetto. Così, per rinnovare lo studio e l'apprendimento dell'italiano e perché la sua pratica possa diventare elemento essenziale di formazione culturale, indispensabile strumento di conoscenza, agente primo di comunicazione e di relazioni, quest'anno l'Accademia della Crusca, sotto l'alto patronato del Presidente della Repubblica ed in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione e l'Università di Firenze, ha indetto la prima edizione delle Olimpiadi di lingua italiana.

Un successo inatteso, anche per gli organizzatori, che ha coinvolto 165 scuole secondarie superiori e ben 1239 studenti su tutto il territorio nazionale contando anche la partecipazione di istituti italiani all'estero. Dopo le fasi regionali, oggi e domani tiene banco a Firenze la gara nazionale cui partecipa Giovanni Monna, carovignese, studente del Liceo Classico "Calamo" di Ostuni.

Il giovane "olimpionico" dovrà confrontarsi con gli altri finalisti su problemi di lessico, morfologia e sintassi e, se risulterà tra i primi dieci classificati, potrà aggiudicarsi un viaggio presso una rinomata università europea, dove si coltivino studi di italianistica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal “Calamo” alle olimpiadi: dell'italiano

BrindisiReport è in caricamento