Enea, pienone alla giornata della ricerca

BRINDISI - Pienone alla giornata sulla ricerca organizzata dal Centro Enea di Brindisi, che ha direzione e laboratori in Cittadella della Ricerca. Dopo l'impossibilità di organizzare anche a Brindisi l'edizione 2011 de "La notte dei ricercatori", che aveva raccolto un buon successo in altre occasioni, a rilanciare un ponte tra la formazione scolastica e il mondo dell'innovazione, dell'alta formazione e della ricerca scientifica ci ha pensato uno degli enti più importanti della ricerca pubblica italiana, con la piena e decisiva collaborazione dell'Ufficio scolastico provinciale, di Unisalento, del Consorzio Cetma e di Cittadella della Ricerca che ha messo a disposizione l'auditorium per la prima parte della giornata, quella dedicata alle relazioni.

L'auditorium di Cittadella gremito dalle delegazioni delle scuole

BRINDISI - Pienone alla giornata sulla ricerca organizzata dal Centro Enea di Brindisi, che ha direzione e laboratori in Cittadella della Ricerca. Dopo l'impossibilità di organizzare anche a Brindisi l'edizione 2011 de "La notte dei ricercatori", che aveva raccolto un buon successo in altre occasioni, a rilanciare un ponte tra la formazione scolastica e il mondo dell'innovazione, dell'alta formazione e della ricerca scientifica ci ha pensato uno degli enti più importanti della ricerca pubblica italiana, con la piena e decisiva collaborazione dell'Ufficio scolastico provinciale, di Unisalento, del Consorzio Cetma e di Cittadella della Ricerca che ha messo a disp0sizione l'auditorium per la prima parte della giornata, quella dedicata alle relazioni.

"Come si vive e come si lavora in un laboratorio di ricerca? Quali sono le difficoltà e quali le soddisfazioni nella carriera di un ricercatore? Come si trasforma una scoperta scientifica in un'idea d' impresa?", erano le domande cruciali al centro dell'evento, che ha coinvolto le ultime classi di vari istituti superiori del Brindisino e gli studenti dell'università. Testimonial, la celebre astrofisica italiana Margherita Hack, purtroppo solo in collegamento digitale con la platea. La giornata è stata organizzata nell'ambito del Progetto IL02 "Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca" finanziato dal Programma Operativo Fesr 2007-2013 della Regione Puglia, in occasione dei 10 anni del Centro di Ricerca Enea di Brindisi.

Il benvenuto è stato dato agli studenti dall'ing. Pietro Talmesio, direttore Centro Ricerche Enea Brindisi, dal dott. Leander Tapfer, responsabile Unità Tecnica Tecnologie dei Materiali Brindisi, e da Francesco Capobianco, provveditore agli Studi di Brindisi, con l'intervento in videoconferenza del commissario Enea, Giovanni Lelli. Quindi le comunicazioni: "Sapere, innovazione, futuro" dell'ing. Giovanni De Paoli, Enea, responsabile del progetto "Educarsi al futuro"; "Manipolare la materia su scala nanometrica: come e perché", dott.ssa Maria Lucia Protopapa, Unità Tecnologie dei materiali Enea Brindisi; "Sviluppo del prodotto e design industriale", ing. Gianluca Ciullo, responsabile della Divisione di Disegno Industriale, Cetma; "Come prepararsi alle professioni del futuro", prof. Lorenzo Vasanelli, Università del Salento, delegato alla Ricerca, professore ordinario Dipartimento di Ingegneria dell'Innovazione; "Dalla ricerca alla creazione di un'impresa innovativa", prof. Riccardo Barberi, Università della Calabria, ordinario di Fisica Applicata e delegato dal rettore al trasferimento tecnologico.

Passaggio importante del programma della mattinata, la testimonianza di giovani ricercatori che hanno trasformato un'idea in opportunità di business, vincendo peraltro la Start-Cup Puglia 2011, e "Una ricercatrice si racconta : Margherita Hack" (collegamento video). Le conclusioni sono state affidate al dott. Paolo D'Addabbo dell'Arti Puglia, Agenzia Regionale per la Tecnologia e l'Innovazione. Quindi il pranzo e la partecipazione alle attività sperimentali di alcuni laboratori del Centro Ricerche Enea e del Cetma riservati alle scuole selezionate dall' Ufficio Scolastico Provinciale. Al termine della visita, la consegna attestati di partecipazione.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento