Flash/ "Freccia" in piazza: in mille al corteo

BRINDISI - Circa un migliaio di studenti degli istituti medi superiori della città, con delegazioni anche dalla provincia, come nel caso di Ostuni, hanno partecipato alla manifestazione "Non c'è più tempo" organizzata stamani dall'Uds, nell'ambito della giornata nazionale di lotta a difesa della scuola pubblica.

Parte il corteo

BRINDISI - Circa un migliaio di studenti degli istituti medi superiori della città, con delegazioni anche dalla provincia, come nel caso di Ostuni, hanno partecipato alla manifestazione "Non c'è più tempo" organizzata stamani dall'Uds, nell'ambito della giornata nazionale di lotta a difesa della scuola pubblica, contro i costi crescenti dell'istruzione, i tagli alla formazione e alla ricerca, per il diritto a scuole più sicure e attrezzate e ad una didattica più avanzata (video).

Casualmente, la giornata di lotta delle scuole italiane dell'11 ottobre ind etta dalla "Freccia" giunge a due giorni dalla diffusione dei dati Ocse che collocano l'Italia al penultimo posto della graduatoria dei paesi più industrializzati per padronanza della lingua e della matematica dei suoi cittadini. Questi sono i risultati di tanti anni di sottrazione di fondi alla scuola pubblica e alla formazione degli insegnanti, costretti in molti casi alla precarietà, e di disattenzione istituzionale al fenomeno sempre più grave della dispersione scolastica, vale a dire l'abbandono dell'istruzione prima del termine della scuola dell'obbligo.

L'abitudine alla lettura, la passione per la cultura, l'attaccamento alla scuola si costruiscono facendo della scuola stessa un luogo migliore per studiare e crescere. Questo chiedono gli studenti oggi. La manifestazione è partita puntualmente dal piazzale di via Dalmazia, dirigendosi poi verso piazza Vittoria.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento