Scuola dell'infanzia e sport: concluso progetto a Carovigno

Lo scarso spazio dedicato nella scuola italiana all’attività motoria, insegnamento fondamentale invece da molti anni in molti altri Paesi, è uno dei suoi problemi principali

CAROVIGNO – Lo scarso spazio dedicato nella scuola italiana all’attività motoria, insegnamento fondamentale invece da molti anni in molti altri Paesi, è uno dei suoi problemi principali. Si proponeva di affrontare questa esigenza primaria il progetto “Corri, salta e impara” per la scuola dell’infanzia, ideato e attuato dall’Ufficio scolastico regionale della Calabria con il sostegno del Miur, e condiviso anche da Puglia, Basilicata, Sicilia, Umbria e Lazio per l’anno scolastico 2015-2016, con la collaborazione del Coni.

scuola infanzia lanzillotti-cavallo 3-2

Per affrontare questo percorso sperimentale sono state utilizzate la figura e la storia di Pinocchio, come esempio di stili di vita da valutare e correggere. Ha partecipato attivamente al progetto, per quanto riguarda la provincia di Brindisi, anche il secondo istituto comprensivo Lanzillotti-Cavallo di Carovigno, partecipando alla manifestazione finale svoltasi il 24 maggio al PalaZumbo di Brindisi, e realizzando ieri una manifestazione di istituto cui hanno partecipato bambini dai 3 ai 5 anni, ai quali è stato consegnato un diploma finale del triennio.

scuola infanzia lanzillotti-cavallo-2

Hanno lavorato al progetto la referente didattica Enza Melpignano, la referente tecnica Dorina Di latte, l’esperta di attività motorie Isabella Cavallo, e le docenti Antonia Simeone, Maria Curri, Francesca marzio, Angelita Ciracì, Antonella Carella, Giovanna Primicerio, Vittoria Zizza, Caterina Lapadula, Antonia Nacci, Mariangela Lanzilotti, Angelica Locorotondo, Grazia Sabatelli, Angelica Iaia, Elena Natola, Giusi Cavallo, Dora Manelli e Angela De Biasi. Alla serata di mercoledì sono intervenuti anche il sindaco Carmine Brandi e gli assessori comunali Carmine Monna e Piero Laghezza.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento