Giovedì, 21 Ottobre 2021
Sport

L'Armani va in finale, ma l'Enel può rimpiangere qualche errore di troppo

Il sogno non si avvera: l'Enel si inchina (65-76) alla corazzata Armani Milano, che dopo 19 anni può giocarsi una finale di Coppa Italia. I ragazzi di Bucchi escono comunque dalle Final Eight Beko a testa alta: hanno dato filo da torcere agli avversari

DESIO - Il sogno non si avvera: l'Enel si inchina (65-76) alla corazzata Armani Milano, che dopo 19 anni può giocarsi una finale di Coppa Italia. I ragazzi di Bucchi escono comunque dalle Final Eight Beko a testa alta: hanno dato filo da torcere agli avversari fino all'ultimo minuto, tenendo a bada perfino Samardo Samuels, annullato da Eric e James.

05-3A fare la differenza sono stati tre fattori: la panchina lunga di Milano, la difesa asfissiante di David Moss su Jacob Pullen, la bassa percentuale di Brindisi nel tiro da 3 punti (9/30) e i troppi tiri liberi concessi agli avversari nel tentativo di bloccare i loro giochi d'attacco (20/27 per Milano, solo 4/6 per l'Enel).

Forse sarebbe bastato poco per battere i campioni d'Italia e continuare a sognare. Forse bastava un James Mays a posto, ma anche in semifinale il centro dell'Enel ha dimostrato di essere in condizioni pietose: difende poco, è spesso in ritardo negli aiuti, non punge in attacco, ma continua a gettarsi su ogni palla vacante, rischiando di peggiorare la sua condizione fisica. Peccato, perché con un Mays al meglio, forse, la finale sarebbe stata a portata di mano.

LA CRONACA DELLA PARTITA

09-2Brindisi parte bene, James blocca Samuels e Eric riceve buoni palloni sotto canestro. Malgrado la difesa asfissiante di Moss su Pullen, l'Enel schizza avanti 7-0, poi però il pressing a tutto campo ordinato da coach Banchi frena i brindisini, che subiscono un parziale di 24-6. Neanche la difesa a zona decisa da Bucchi dà buoni risultati e MIlano chiude il periodo 26-16.

Nel secondo quarto va in scena una brutta pallacanestro: molte palle perse, troppe conclusioni personali e poco gioco di squadra. Nella confusione, Brindisi trova la forza per risalire la china fino al 27-32. Bulleri ha l'occasione per portarsi ancora più sotto, ma lancia due missili a salve. L'operazione aggancio è però rimandata di pochissimo. È Denmon ad infilare tre canestri consecutivi, con Pullen che, rientrato dalla panchina, limita Hackett. L'Enel si riporta avanti (33-32) ma l'Armani la colpisce due volte in contropiede, andando all'intervallo avanti di 3 lunghezze (33-36).

17-2L'Enel ha migliori percentuali da due punti (47% contro il 37% degli avversari), ma paga dazio nel tiro dall'arco (solo 25%, contro il 42% dei campioni d'Italia). Per una volta un dato positivo dalla panchina, che mette a segno 11 punti (quella milanese, azzoppata da un disastroso Gentile, ne segna solo 2). Brindisi inizia benissimo la terza frazione di gara e va a segno con Denmon, Eric e poi ancora Denmon che sigla il 43-43.

Ma ogni volta che l'Enel la raggiunge, l'Armani scatta avanti, quasi sempre con Moss e Brooks. Samuels invece viene tenuto a freno da James (che gli rifila 3 stoppate) ed Eric. Si va all'ultimo periodo sul 47-56, ma all'inizio dell'ultimo mini-tempo finalmente arriva la prima bomba di Pullen, subito seguita da quella di Bulleri (53-56). La musica però non cambia, e i campioni d'Italia rigettano subito indietro gli avversari, trovando nuove risorse in Kleiza, che punisce la zona ordinata da Bucchi. Nel finale ci prova Pullen, ma questa sera non è giornata da show, MIlano fugge via. Verso la finale contro Sassari.

LE FOTO SONO DI VITO MASSAGLI

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Armani va in finale, ma l'Enel può rimpiangere qualche errore di troppo

BrindisiReport è in caricamento