Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Sport

Basket femminile: l'Intrepida lavora in vista dell'A2, ma c'è l'incognita sponsor

Dopo la promozione in A2, conquistata lo scorso mese di maggio, e questa lunga pausa estiva, l'Intrepida Brindisi è pronta a ripartire. Lo fa, però, mantenendo i piedi per terra, specie dal momento che non esiste ancora un main sponsor, disposto a sostenere la squadra. Sono diverse le trattative in corso, ma ancora nulla è stato definito

BRINDISI - Dopo la promozione in A2, conquistata lo scorso mese di maggio, e questa lunga pausa estiva, l’Intrepida Brindisi è pronta a ripartire. Lo fa, però, mantenendo i piedi per terra, specie dal momento che non esiste ancora un main sponsor, disposto a sostenere la squadra. Sono diverse le trattative in corso, ma ancora nulla è stato definito. 

A confermare la notizia, Bartolo Ermito, presidente della squadra brindisina che, contattato dalla nostra redazione, ha annunciato l’avvio della macchina organizzativa della società, in vista del campionato che avrà inizio il prossimo 10 ottobre. 

Secondo quanto appreso, già lunedì scorso (24 agosto), le biancazzurre, al seguito del professore Vincenzo Gravina, hanno cominciato la preparazione atletica che andrà avanti per un po’,  prima che le ragazze scendano in campo per gli allenamenti, non ancora programmati, con coach Gaetano Ermito. 

“Ci apprestiamo ad affrontare un campionato importante – ha affermato Bartolo Ermito – che, indubbiamente, necessita di ingenti risorse finanziarie. Le spese da sostenere per una squadra in serie A sono tante e il lavoro da fare non è facile. Per questo, devo dire, che, anche se non in maniera spasmodica, siamo ancora alla ricerca di uno sponsor principale che possa dare il suo contributo e quindi sostenerci in questa nuova avventura. Nel frattempo, comunque, la squadra ha ripreso a correre, siamo sereni e ci tengo a precisare che il nostro primo obiettivo quest’anno è la permanenza in A2.”Un timeout di coach Gaetano Ermito-2

Nessun acquisto, nessun nuovo ingresso in società. L’organico (dirigenti, giocatrici e tecnici) resta lo stesso. E a tal proposito, vale la pena ricordare, che ai nomi già sopra citati si aggiungono: Giovanni Tasso, dirigente responsabile; Danilo Liuti, assistent coach; Alessandro Reho, accompagnatore; Raffaele Cavaliere, addetto allo scout; Angelo Capoziello, addetto agli arbitri; Francesca Orgiani, fisioterapista. 

Ancora, le giocatrici: Valentina Siccardi, Federica Falcone, Lorena Toscano, Maria Mariutti, Francesca Gismondi, Francesca Tolardo, Marina Fersino, Marta Miccoli, Luigia Boccadamo, Sara Lauria, Marianna Saracino e Sissi Palmisano. 

“Abbiamo confermato il gruppo di lavoro dello scorso anno – prosegue – il presidente Ermito - . Non ci sembrava il caso di fare nuovi acquisti vista la situazione finanziaria. Penseremo a questo, nel momento in cui dovesse cambiare qualcosa e se mai ce ne sarà bisogno. E’ inutile impelagarsi se non ci sono le possibilità. Vedremo quello che verrà fuori dalle trattative che abbiamo in piedi: dobbiamo scegliere uno sponsor che ci trasmetta fiducia, questo perché intendiamo giocare il campionato dall’inizio alla fine, senza essere costretti a rinunciare a partite e quant’altro.”

Come da calendario, la prima partita si gioca a La Spezia (Liguria) in trasferta. 

“Inizieremo fuori casa – dice ancora Bartolo Ermito - . Sono sicuro che, anche quest’anno, faremo bene: le ragazze sono tutte in gamba e capaci, l’allenatore, nel corso del tempo, ha dimostrato di essere, assolutamente, l’uomo giusto. E come per lui, lo stesso vale per tutti gli altri che fanno parte della società. Ciò che conta, adesso, è andare avanti con la preparazione e definire gli ultimi dettagli prima dell’inizio del campionato. La settimana prossima, infatti, sapremo quale sarà il palazzetto che ospiterà le partite che giocheremo in casa. Dovrebbe essere il PalaZumbo, sito in via De Mille, ma la conferma la avremo solo dagli organi competenti della Federazione che, presto, verranno per l’omologazione.”
Insomma, ancora qualche giorno e Brindisi con l’Intrepida sarà protagonista in una nuova avventura sportiva.

Stando ai fatti, è quanto meno doveroso che anche le istituzioni diano il loro contributo. Ciò proprio con l’obiettivo di incentivare e far crescere  le realtà sane e pulite dello sport locale, troppo spesso alle prese con difficoltà insuperabili. Basti pensare alla Futura Basket che,  ad un certo punto, ha dovuto rinunciare al campionato di A2 a causa delle poche risorse economiche disponibili; oppure alle vicissitudini in cui, successivamente, è incappata la New Volley Brindisi, costretta ad abbandonare il campionato di B1 femminile di pallavolo, mentre era lanciata verso il primo posto. La storia insegna ed insieme un’inversione di rotta è possibile, anche perché non è mai troppo tardi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basket femminile: l'Intrepida lavora in vista dell'A2, ma c'è l'incognita sponsor

BrindisiReport è in caricamento