menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La vela, strumento di inclusione sociale: workshop a Palazzo Nervegna

Promosso dall'associazione solidale Mythos, con l'Ateneo di Bari, si terrà l'1 giugno nella Sala delle Università di Palazzo Nervegna a Brindisi il workshop "Mare e Responsabilità Sociale. A partire dalla Vela"

BRINDISI – Promosso dall’associazione solidale Mythos, con l’Ateneo di Bari, si terrà l’1 giugno nella Sala delle Università di Palazzo Nervegna a Brindisi il workshop “Mare e Responsabilità Sociale. A partire dalla Vela”. Inizio dei lavori alle 9.30. Apertura di Emilio Miccolis, direttore per il Coordinamento delle Strutture Dipartimentali Università degli Studi di Bari, moderatore Nicolò Carnimeo, docente Unibari Dipartimento Jonico in Sistemi Giuridici ed Economici del Mediterraneo Società Ambiente Culture.

L’ economia del Mare è da sempre una risorsa che genera ricchezza, innovazione, occupazione, secondo un modello collaborativo e sostenibile. Il mare unisce settori e tradizioni diverse che possono diventare una leva straordinaria per il rilancio del lavoro al Sud. Il workshop di oggi parte da questa riflessioni per parlare di  responsabilità sociale e contrasto al disagio giovanile perché cultura, formazione e lavoro sono le sole armi che noi adulti abbiamo per creare per voi un futuro di pace sociale e sicurezza.

Ecco le comunicazioni previste. “Economia del Mare come  opportunità per contrastare la disoccupazione giovanile al Sud”, Alfredo Malcarne - presidente Assonautica; “Mare, Turismo, Sport : risorse per il futuro dei  giovani del Mezzogiorno”, Teo Titi – presidente  Confindustria Turismo, organizzatore della Regata Brindisi- Corfù; “Sviluppare la conoscenza del valore del  Mare per  orientare i giovani del territorio”, Giuseppe Danese – presidente Distretto  Nautico Sistema Puglia.

“Fare della cultura del Mare il driver per l’  inclusione sociale dei giovani”, Enzo Cesareo – presidente Confindustria Taranto; “Storie di Sensibilità Sociale”, Francesca Perrini - direttrice Centro Giustizia Minorile per la Puglia e la Basilicata; “Recuperare il Senso Sociale della Vita”, Isabella D’ Attoma – Psicologia Socio-Riabilitativa, Casa Circondariale Brindisi; “Arte e Socialità. Quando le sbarre non sono un limite”, Giovanni Lamarca – comandante Polizia Penitenziaria di Taranto.

“Prevenire il disagio giovanile: investire nel capitale umano dei giovani”, Andrea Masciandaro – imprenditore e fondatore Associazione Mythos; “Mare Metafora di Vita”, Andrea Tarantino – Esperò spin-off Unisalento, Docente Apprendimento Esperienziale; “Vela per educare i  giovani alla Vita”, Fabio Pignatelli - fondatore Onda Buena Academy Taranto”; “Formazione e Lavoro nell' Economia del Mare : il valore aggiunto è inclusione sociale”, Giuseppina Antonaci – presidente Fondazione ITS Regione Puglia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento