Sport

Adriano messo a dieta da un medico ostunese: “Tornerà un figurino”

OSTUNI - Adriano messo in riga da un medico ostunese: dieta ferrea per tre mesi. E tornerà un campione, lasciandosi alle spalle l’ombra del giocatore che dopo aver incantato San Siro s’era smarrito nei privè della Milano “da bere”. Approdato nuovamente in Italia, a Roma, l’imperatore carioca, è pronto a far sognare i tifosi giallorossi. Atterrato nella Capitale nei giorni scorsi, per la firma del contratto, il bomber brasiliano è ricomparso davanti alle telecamere una settimana fa: motivato e di nuovo sorridente, ha giurato: “Sono un altro uomo”. Già, ma in sovrappeso. A tranquillizzare dirigenti e tifosi giallorossi, ci ha pensato però il dottor Euguenio Rosselli: "Tornerà un figurino".

Il dottor Eugenio Rosselli

OSTUNI - Adriano messo in riga da un medico ostunese: dieta ferrea per tre mesi. E tornerà un campione, lasciandosi alle spalle l'ombra del giocatore che dopo aver incantato San Siro s'era smarrito nei privè della Milano "da bere". Approdato nuovamente in Italia, a Roma, l'imperatore carioca, è pronto a far sognare i tifosi giallorossi. Atterrato nella Capitale nei giorni scorsi, per la firma del contratto, il bomber brasiliano Adriano Leite Ribeiro, per gli appassionati di calcio (e di gossip) noto semplicemente come Adriano, è ricomparso davanti alle telecamere una settimana fa: motivato e di nuovo sorridente, ha giurato: "Sono un altro uomo". Già, ma in sovrappeso.

A tranquillizzare dirigenti e tifosi giallorossi, ci ha pensato però il dottor Euguenio Rosselli: 52 anni, ostunese, specialista in Diabetologia, Malattie del Ricambio e Nutrizione Clinica, responsabile Dietologia sport presso la casa di cura Villa Stuart, a Roma. Nei prossimi giorni il campione brasiliano, di rientro dalle vacanze, si unirà a Totti e compagni. E subito sarà affidato alle cure del professionista ostunese. L'ex centravanti dell'Inter e del Flamengo dovrà perdere circa 15 chili, per tornare al suo peso forma. Attualmente il bomber peserebbe tra i 102 e i 104 chili. Per tornare a dominare in area di rigore dovrà assestarsi attorno agli 88 chili. Ed il dottor Rosselli assicura: "Se seguirà una dieta bilanciata, da 1800 calorie al giorno, senza toccare alcool, in tre mesi può farcela".

Sarà sufficiente che segua una sana dieta mediterranea: "Nutrirsi in maniera equilibrata è la migliore dieta che esista. Non è necessario sottoporsi a un regime alimentare iperproteico", spiega l'affermato professionista ostunese. Ed eccola la ricetta del medico della Città bianca su misura per l'imperatore. "Un'alimentazione completa e bilanciata: 50% di carboidrati, 30% di proteine, e 20 per cento di grassi. Tre pasti e due spuntini al giorno. E da bare, prima e dopo ogni allenamento, bevande con vitamine e sali minerali".

Adriano a tavola non dovrà trasgredire. Il dottor Rosselli ha già programmato la sua giornata tipo: "A colazione 200 grammi di latte parzialmente scremato, 30 grammi di cereali, 200 grammi di frutta, uno yogurt magro. Spuntino a metà mattinata: 50 grammi di pane e di segale integrale, con più basso indice glicemico, 40 grammi di prosciutto crudo magro o bresaola. Il pranzo: 120 grammi di pasta, meglio spaghetti, 120 grammi di carne bianca o vitella o 160 grammi di pesce o 2 uova, piatto di verdure a piacere , un frutto. Il pomeriggio, prima di allenarsi, altri 150 grammi di frutta. Cena: 50 grammi di riso, pesce se a pranzo ha mangiato carne, verdure e frutto. Totale: 1800 calorie". Piccola accortezza, per non pregiudicare la cura: "Non deve toccare alcool". Ma il dottor Rosselli è ottimista: "Lo incontrerò nei prossimi giorni. Le motivazioni sono importanti a certi livelli. E' vero, dovrà contenersi nelle abitudini alimentari. Ma Adriano sa che il suo obiettivo è quello di recuperare, e anche in fretta, una condizione fisica ideale. Questo potrà consentirgli di esprimersi al meglio, godendo di benefici anche sul piano psicologico".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adriano messo a dieta da un medico ostunese: “Tornerà un figurino”

BrindisiReport è in caricamento