Brindisi-Corfù 2019: arrivo previsto in serata, in testa "Ad Maiora"

Il trimarano giunto da Pisa vola nel Canale d'Otranto. La flotta della regata e il porto sorvolati dalle Frecce Tricolori. Modificato il percorso per evitare le bonacce: quest'anno si arriva a Merlera

L'aggiornamento della 19.10 del 16 giugno 2019

Ribaltamento delle posizioni in testa alla Brindisi-Corfù, e ad una velocità tale da lasciar prevedere un arrivo addirittura in serata. Chi ha preso il comando poco dopo aver superato Otranto è stato il trimarano Ad Maiora giunto da Pisa, un Orma 60 sottoposto l'anno scorso ad un refitting totale, con applicazione di materiali e attrezzature di coperta innovativi, che gli ha consentito di primeggiare in regate difficili e famose come la 151 Miglia e la Palermo-Montecarlo. Sembra proprio questo multiscafo l'ospite destinato a vincere l'edizione 2019 in tempo reale, e ovviamente anche la propria classe. Ad Maiora filava a 14.8 nodi con un vento reale al lasco di circa 15 nodi. Con queste andature, è difficile battere una barca come l'Orma 60 di Bruno Cardile (nell'immagine sotto, scattata dal fotografo di vela Fabio taccola alla 151 Miglia del 2018). 

Ad Maiora-2

Ma è riuscito a mettere il naso davanti a Idrusa anche il Baltic 78 R Lupa of the Sea di Fabio Cannavale, un custom costruito nel cantiere finlandese non solo per crociere veloci ma in comfort totale, ma anche per vincere in regata grazia al bulbo basculante che aumenta la capacità di raddrizzamento della barca. Al momento in cui scriviamo il trimarano è a sole 23.4 miglia dall'arrivo a Merlera (va considerato, per la stima non matematica del tempo di arrivo, che necessita di altri fattori, che un nodo corrisponde a un miglio marino, quindi il contro approssimativo è presto fatto) e procede a 13.1 nodi.

La partenza 

La XXXIV Regata Internazionale Brindisi-Corfù è partita questa mattina con una buona brezza di maestrale che ha consentito al Farr 80 Idrusa portato da Paolo Montefusco, che corre per il Circolo della Vela Brindisi, di prendere subito la testa con una andatura di 10 nodi su 11 di vento reale, davanti a Lupa of the Sea, il Baltic 78R di Fabio Cannavale, Verve Camer, il Comet 50 Carbon di Giuseppe Greco, al Felci 61 Buenavista di Luigi Pannarale. Tra le barche di testa, il velocissimo trimarano "Ad Maiora", che poi recupererà ben presto le primissime posizioni.

partenza 34 brindisi-corfu 2-2-2

Dato il rating sfavorevole rispetto agli altri maxi della Classe Orc A, si può dire che questa volta più che mai Idrusa correva contro se stessa, per compensare con un distacco notevole l’handicap e aggiudicarsi finalmente una vittoria non solo in tempo reale, ma anche in tempo compensato sia in Classe A che nella classifica overhall. Ma si è trovata a fare i conti con il trimarano arrivato dalla Toscana e con il custom finnico. Apertissima la lotta nelle classi Orc B e C, dove le barche performanti in lizza sono davvero tante, e non poche quelle brindisine.

Diapontie - Brindisi Corfù 2019 arrivo a Merlera-2

Il cambio della linea di arrivo

Confermato al briefing degli equipaggi in mattinata il problema dei previsti buchi di vento prima di Corfù all’alba di lunedì, in grado di azzerare o ridurre drasticamente i vantaggi acquisiti nella notte. Pertanto questa volta i giudici di regata hanno deciso di modificare il percorso e chiudere la regata a Erikoussa (Merlera, nel cerchio rosso nella carta nautica) una delle isole Diapontie, proprio al limite dell’area delle bonacce, invece che a Kassiopi nel nord dell’isola di Corfù (cerchio nero nella cartina).

Le Frecce Tricolori alla partenza della XXXIV Brindisi-Corfù-2

Dopo aver tagliato la linea di arrivo a Erikoussa (percorso ridotto da 104 a 92 miglia, dunque), le barche poi proseguiranno come al solito per il Marina di Gouvia dove ci sono gli ormeggi riservata alla flotta della regata. Spettacolare il sorvolo dei bacini del porto di Brindisi e delle flotta in attesa dello start da parte delle Frecce Tricolori: un evento molto atteso dai brindisini e legato alla lotta che l’Ail conduce contro le leucemie, un grande problema anche nella nostra città.

PER SEGUIRE LA REGATA SUL LIVE TRACKING DAL PC

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bomba, centro commerciale Le Colonne: il 15 dicembre apertura anticipata

  • Bomba: le direttive sull'evacuazione e l'elenco aggiornato delle vie

  • Bombe, Torino: evacuati in 10mila. Il 15 dicembre toccherà ai brindisini

  • Bomba, per l'evacuazione 300 brandine nelle scuole. Previsti colazione e pranzo

  • Estate in Sicilia dall'Aeroporto del Salento con voli settimanali

  • Minaccia collega per un pagamento: denunciato imprenditore

Torna su
BrindisiReport è in caricamento